Recovery: Sartori (italia del Vino), opportunità per agricoltura sostenibile 4.0

Con 2,5 miliardi di investimento ci sono le potenzialità di crescere molto

Redazione ANSA ROMA

 - "Il Recovery Plan, con investimenti previsti nel settore agricolo per 2,5 miliardi di euro, può essere un'occasione unica e irripetibile per trasformare la filiera agroalimentare italiana in un'Agricoltura 4.0". Lo ha dichiarato in una nota Andrea Sartori, presidente di Casa Vinicola Sartori e del Consorzio Italia del Vino che è una delle più importanti e solide realtà consortili dedicate all'internazionalizzazione del vino italiano. Ne fanno parte alcune delle più rinomate cantine e gruppi vitivinicoli - 21 aziende presenti in 16 regioni - con l'obiettivo di promuovere la conoscenza del comparto enologico nazionale nel mondo "L'obiettivo è quello di coniugare una filiera agroalimentare sostenibile con una economia circolare virtuosa. I due assi di sviluppo - prosegue Sartori - sono imprescindibili se si vuole arrivare a quella crescita dinamica e propulsiva che aumenti l'appeal e l'eccellenza dell'agroalimentare 'made in Italy'. La valorizzazione di questi due asset, con una rivoluzione verde virtuosa agganciata alla transizione ecologica e al digitale, porterebbe al tessuto imprenditoriale italiano un'impennata in termini economici e occupazionali".

"Secondo le stime preliminari sull'agricoltura presentate in un rapporto Istat 2020 - aggiunge Sartori - nonostante la pandemia l'Italia si è confermata leader in Europa in termini di valore aggiunto nella produzione con 31,3 miliardi di euro, davanti a Francia e Spagna. Un dato che, a fronte del calo del 3,3% del volume produttivo, conferma quanto la filiera agroalimentare italiana sia un asset strategico sul quale investire in maniera massiccia. Assume rilievo, in questa direzione, la richiesta di proroga al 2021 delle misure di mercato eccezionali del 2020 per il settore vitivinicolo che l'Europarlamento sarà presto chiamato ad approvare. Il comparto agroalimentare - conclude - ha senza dubbio le potenzialità per crescere molto e innovarsi nei prossimi anni, generando nuovi posti di lavoro". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie