Auto: primo segno positivo Europa, +1,1% a settembre

Dati Acea, da inizio anno immatricolazioni in calo del 29,3%

Redazione ANSA TORINO

Dopo otto mesi di cali il mercato dell'auto dell'Europa Occidentale (Ue+Efta+Regno Unito) registra a settembre il primo segno positivo dell'anno. Le immatricolazioni - secondo i dati dell'Acea, l'associazione dei costruttori europei - sono state 1.300.050 con un incremento dell'1,1% sullo stesso mese 2019. Da inizio anno sono state vendute 8.567.920 auto, il 29,3% in meno dello stesso periodo dell'anno scorso.

Fca ha immatricolato a settembre in Europa Occidentale (Ue più Efta più Regno Unito) 77.807 auto, l'11,8% in più dello stesso mese del 2019, con un aumento della quota dal 5,4 al 6%. Da inizio anno le immatricolazioni del gruppo sono 490.200, in calo del 33,9% sull'analogo periodo del 2019. La quota passa dal 6,1 al 5,7%. Tra i brand del gruppo, Jeep immatricola quasi 14.800 vetture, con una crescita del 24,7%, e raggiunge una quota dell'1,1% (+0,2%) rispetto a settembre 2019. Lancia, con poco meno di 4.700 registrazioni, registra un aumento delle vendite del 12,4%, con quota allo 0,4% (+0,1%). Fiat nel mese immatricola quasi 53.900 vetture (+10%) e ottiene una quota del 4,1% (+0,3%).Sostanzialmente stabile Alfa Romeo, con oltre 4.100 immatricolazioni e quota allo 0,3%. Oltre alla crescita ottenuta in Italia, dove Fiat Chrysler Automobiles incrementa i volumi del 17,5% in un mercato che cresce del 9,5% (Jeep +24,3%, Fiat +19,1% e Lancia +12,5%), altrettanto positivi sono i risultati ottenuti in Germania e in Spagna. In Germania (dove il mercato cresce dell'8,4%) Fca migliora le vendite del 23,5% (Alfa Romeo +56,9%, Fiat +26,7%, Jeep +11%), mentre in Spagna (-13,4% io mercato) il risultato Fca è in controtendenza: +5,7%, e crescono anche Fiat (+9,1%) e Jeep (+5,3%). Sono numerosi i modelli Fc che ottengono positivi risultati in settembre. Il segmento A è quello che ha perso maggiormente a causa della pandemia (vendite in calo del 42,2% nel progressivo annuo rispetto al -29,6% della media di tutti i segmenti) ma nonostante ciò le Fiat 500 e Panda ottengono risultati positivi in Europa, confermandosi le più vendute della categoria. Con 18.400 immatricolazioni (+5,4%) la 500 ottiene una quota del 18,9% (+2,3%), mentre sono 17.400 le registrazioni di Panda (+36,6%) pari al 17,9% di quota (+5,8%). Bene nel segmento B la Lancia Ypsilon, che aumenta i volumi di vendita rispetto all'anno scorso del 12,8%, e nel segmento D della Alfa Romeo Giulia, che registra una crescita delle vendite pari al 10,9%. In crescita anche le Jeep Renegade (+24,3%), Wrangler (+25,6%) e Compass (+38,4%) e l'Alfa Romeo Stelvio (+4,9%).


Auto: Promotor, segno positivo ma quadro catastrofico 2020
La crescita del mercato europeo a settembre "è certamente modesta, ma è significativa perché potrebbe rappresentare l'inizio dell'inversione di tendenza dopo il disastroso impatto del coronavirus sulle vendite dei primi otto mesi". Lo sottolinea il Centro Studi Promotor che considera decisivo "il ruolo degli incentivi varati in molti mercati che hanno favorito soprattutto le vendite di vetture elettriche e ibride plug-in, anche se in valori assoluti le loro immatricolazioni sono ancora modeste e quindi il recupero deriva anche da un migliore andamento delle vendite di vetture con alimentazioni tradizionali". "Il segnale positivo di settembre non può certo far dimenticare il quadro catastrofico che si sta delineando per l'intero 2020" commenta il Centro Studi Promotor secondo il quale "l'auto in Europa Occidentale chiuderà il bilancio 2020 con una perdita di immatricolazioni assolutamente severa". "Per una ripresa significativa del mercato dell'auto, in quel che resta del 2020 e soprattutto nel 2021, sono necessarie tre condizioni - spiega Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor - e cioè che i governi varino politiche di sostegno al settore dell'auto più incisive, che non vi siano nei prossimi mesi nuove fermate dell'attività produttiva e che i primi segnali di ripresa dell'economia, dopo il crollo della prima parte del 2020, si consolidino e si rafforzino". Tutti i mercati dell'area fanno registrare cali a due cifre e particolarmente pesante è il quadro dei cinque maggiori paesi con contrazioni del 25,5% per la Germania, del 28,9% per la Francia, del 33,2% per il Regno Unito, del 34,2% per l'Italia e del 38,3% per la Spagna.


Unrae, nel 2020 probabile perdita un quarto volumi
È probabile che il 2020 si chiuda con almeno 1/4 dei volumi persi, in linea con le stime Acea di giugno. È quanto sostiene l'Unrae, l'associazione delle case automobilistiche europee. "Il risultato dell'Italia - afferma il direttore generale Andrea Cardinali - è il frutto momentaneo del sostegno degli incentivi governativi, che in un momento di crisi straordinaria hanno stimolato la clientela, soprattutto quella privata, a sostituire la propria vecchia vettura. Il dato delle nuove immatricolazioni va visto anche alla luce del numero di rottamazioni registrate a settembre che, con una crescita del 47,4% secondo i dati Aci, hanno trainato il totale delle radiazioni, determinando un tasso di sostituzione superiore a 1 e quindi una leggera riduzione del parco circolante per la prima volta dopo tanto tempo. Questa pur lenta ripartenza nel rinnovo del parco circolante porterà un significativo beneficio sulla sicurezza stradale e sulla riduzione delle emissioni ambientali, oltre a un positivo ritorno sull'investimento pubblico. La decisione di non rifinanziare i fondi degli incentivi per l'ultima parte dell'anno in corso, presa in sede di conversione in Legge del Decreto Agosto, andrà a vanificare i risultati tangibili già ottenuti, nonché ad esaurire il contributo italiano alla ripresa europea".


Anfia 'previsto calo record 2020, più misure sostegno'
"Piccolo segnale di incoraggiamento, a settembre, per il mercato auto europeo, grazie agli effetti positivi dei piani di sostegno alla domanda varati dai principali Paesi, na inizio anno le perdite ammontano a 3,55 milioni di unità (-29,3%)". Lo afferma Paolo Scudieri, presidente dell'Anfia. "Si prospetta un quarto trimestre di nuovo in rallentamento - osserva - e le previsioni indicano una chiusura del mercato auto europeo 2020 in calo record, a -25%. E' quindi molto importante che proseguano e vengano rafforzate le politiche di sostegno alla domanda e agli investimenti delle imprese della filiera automotive, in direzione di una transizione green e digitale che non si ferma ad aspettare il termine della crisi Covid. In queste ultime settimane di un anno particolarmente difficile, infine, si gioca l'ultima partita sul fronte Brexit: cruciale raggiungere un ambizioso accordo di libero scambio tra Ue e Uk prima della fine del periodo di transizione, o le perdite commerciali, per il settore automotive pan-europeo, saranno attorno ai 110 miliardi di euro in un orizzonte di 5 anni, con notevoli ricadute anche in termini occupazionali, a oggi, infatti, primo posto di lavoro su 15, sia in Ue che in Uk, afferisce al comparto automotive"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie