Società & Diritti

Ambiente e giustizia sociale, le persone in tutto il mondo unite sulle questioni che contano

La ripresa coincide con desiderio di sostenibilità e cambiamenti reali

People. foto Shutterstock © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 05 luglio 2020
  • 21:51

In diversi paesi e in diverse culture le persone richiedono un mondo più giusto e più sostenibile per la ripresa post lockdown. Da un sondaggio condotto in sette paesi dalla società inglese A Bird's Eye View emergono differenze e aspettative comuni. Gli intervistati  di Italia, Francia, Inghilterra, Chile, Perù, Indonesia, Nigeria ritengono che la pandemia di Coronavirus possa essere un'opportunità per trasformare in meglio società, ambiente ed economia. Lo studio rivela il desiderio di un mondo più giusto e più sostenibile. Quasi tre quarti delle persone (71%) intervistate nei sette paesi credono che la "nuova normalità" cambierà definitivamente la società. Quasi nove su dieci (85%) ritengono che la crisi stia "accelerando" cambiamenti che sarebbero comunque dovuti avvenire. Solo il 25% prevede che la "vecchia normalità" ritorni. I risultati della ricerca di A Bird’s Eye View rivelano un sorprendente spirito di speranza in diverse culture, paesi, economie e società. Nonostante i timori di difficoltà finanziarie, c'è un forte senso di solidarietà, più di due persone su tre intervistate (72%) hanno dichiarato di sentirsi positive per il futuro. In tutti i paesi intervistati, più di nove su dieci hanno affermato che la ripresa dovrebbe tenere conto delle questioni ambientali e sociali, nonché economiche. 

Le persone in tutto il mondo unite sulle grandi questioni che contano

Il cambiamento sociale è una priorità assoluta, l'82% afferma che i problemi sociali sono cresciuti di importanza dopo la pandemia di Coronavirus. Più di due su cinque (43%) affermano che la disuguaglianza sociale conta per loro. Oltre la metà delle persone (52%) desidera un migliore accesso all'assistenza sanitaria, arrivando al 69% nei paesi in via di sviluppo.

Nei paesi sviluppati, l'equità è un problema critico. Quasi la metà (47%) desidera che il governo fornisca salari più equi e migliori condizioni di lavoro per insegnanti, operatori sanitari e altri ruoli nei settori essenziali. A livello globale, il 48% si rivolge alle grandi aziende per migliorare i salari e le condizioni di lavoro e il 37% chiede di migliorare la distribuzione della ricchezza nella società. L'economia rimane in cima all'agenda. Oltre la metà (56%) delle persone afferma di essere preoccupata per il rispetto degli impegni finanziari e il 54% teme la disoccupazione.

Nel mondo sviluppato, più di due persone su cinque (45%) desiderano che i governi sostengano la ripresa delle piccole e medie imprese. Un ulteriore 49% desidera investimenti in settori trasformativi come l'energia e l'economia a basse emissioni di carbonio. Nei paesi in via di sviluppo, dove molti lavoratori fanno parte dell'economia informale, la metà (53%) richiede alle aziende la creazione di posti di lavoro più sicuri e inclusivi. Si crede nel potere e nell'importanza della tecnologia, due terzi (65%) si aspettano che la tecnologia acceleri i cambiamenti nel modo in cui viviamo, lavoriamo e socializziamo. Nei paesi in via di sviluppo, dove mancano le infrastrutture, quasi la metà (48%) desidera che il governo migliori l'accesso alla tecnologia e fornisca servizi virtuali nazionali come la telemedicina e la scolarizzazione.

Le persone vogliono che il governo e la comunità lavorino insieme per guidare la ripresa

Un grosso onere di aspettativa è per i governi nazionali: in quasi tutti i paesi esaminati è il governo nazionale ad essere sotto osservazione, al di sopra del governo locale, le ONG, le organizzazioni internazionali, le imprese e le istituzioni finanziarie, che sono visti come critici per la ripresa post-pandemia.

Quattro persone su cinque (79%) ritengono che la comunità abbia un ruolo importante nel condurre il recupero post-Coronavirus. Due su cinque (43%) ritengono che la società diventerà meno individualista a causa del Coronavirus e oltre la metà (58%) afferma di dare maggior valore alla collaborazione con familiari, amici, comunità e colleghi. I leader politici e le istituzioni regionali hanno un ruolo significativo da svolgere, il 77% si aspetta che il governo locale assuma un ruolo guida nella ripresa.

L'ambiente è una priorità
Oltre i due terzi (69%) affermano che le questioni ambientali sono diventate più importanti dall'inizio della pandemia. Ben oltre la metà delle persone afferma che i cambiamenti climatici dell'inquinamento (62%) (59%) e la scarsità di risorse naturali (58%) sono problemi importanti che incidono sulla loro vita quotidiana. Quasi la metà delle persone (46%) si aspetta che la protezione dell'ambiente abbia una maggiore priorità mentre pianifichiamo la ripresa e ci sono forti aspettative da parte delle imprese a guidare il cambiamento, il 61% desidera che le imprese migliorino il loro impatto ambientale e sociale.

L'Italia chiede una rivoluzione verde

In Italia oltre i due terzi delle persone (69%) ritiene che le questioni ambientali siano diventate più importanti da quando il Coronavirus ha colpito, il 63% è interessato dai cambiamenti climatici, il 57% dall'inquinamento. Quasi la metà degli italiani (44%) desidera che il governo incentivi gli investimenti in settori trasformativi come l'energia e la tecnologia a basse emissioni di carbonio, e due su cinque (41%) ritengono che sia importante che il governo si concentri sulla ricostruzione delle infrastrutture nazionali per la ripresa e il futuro.

Gli italiani sono pronti ad apportare modifiche al proprio stile di vita per sostenere una ripresa verde, oltre la metà (56%) afferma che darà più priorità all'ambiente, una proporzione maggiore rispetto a qualsiasi paese intervistato.

Le differenze tra paesi evidenziate dallo studio mostrano che l'ampia domanda globale di cambiamento sociale, ambientale ed economico trova espressione diversa nelle diverse nazioni e culture.

L’Italia richiede una rivoluzione delle infrastrutture. Più di due terzi degli intervistati (69%) ritiene che le problematiche ambientali siano diventate più importanti dall’inizio del coronavirus, il 63% è preoccupato per i cambiamenti climatici e il 57% per l’inquinamento. Quasi metà degli italiani (44%) vuole che il governo investa in settori come l’energia e in tecnologie a basse emissioni di carbonio, il 56% afferma che in prima persona darà più importanza all’ambiente.

La Francia è leader mondiale nel porre l'ambiente al centro della sua ripresa. Quasi due terzi (61%) delle persone in Francia hanno invitato il governo a investire nell'economia a basse emissioni di carbonio e il 90% chiede alle imprese di agire sul proprio impatto ambientale e sociale.

Il Regno Unito vuole un accordo più equo per i lavoratori. Oltre la metà (52%) desidera che il governo migliori i salari e le condizioni di lavoro per insegnanti e operatori sanitari, il 60% desidera che le grandi imprese offrano salari e condizioni di lavoro più equi e il 70% desidera che migliorino il loro impatto ambientale e sociale.

Il Perù chiede grandi miglioramenti per l'assistenza sanitaria e l'istruzione, il 77% delle persone sostiene un miglioramento dell'assistenza sanitaria universale, quasi 1,5 volte la media globale. Un ulteriore investimento del 55% in infrastrutture sanitarie, più di qualsiasi altro paese. Il Perù è anche il paese che più probabilmente richiederà investimenti nell'istruzione (50%).

Il Cile richiede una soluzione alla disuguaglianza sociale. Quasi due terzi (60%) affermano che la disuguaglianza sociale è una questione prioritaria e desiderano che il governo nazionale e regionale e la comunità si riuniscano per affrontarlo. Oltre la metà (58%) ritiene che la società diventerà meno individualista e più orientata alla comunità. Oltre i due terzi si aspettano che le aziende offrano salari e condizioni di lavoro più equi e il 53% desidera che migliorino la distribuzione della ricchezza nella società.

L'Indonesia è focalizzata sul sostegno alla sua economia informale e desidera che i governi nazionali, regionali e locali lavorino insieme per trovare soluzioni. Quasi due terzi (60%) vogliono che il governo dia la priorità al supporto per le piccole e medie imprese e il 56% chiede al governo di costruire una rete di sicurezza sociale più forte. Ben oltre la metà (59%) degli indonesiani desidera che le aziende creino luoghi di lavoro più sicuri e inclusivi.

La Nigeria vuole una migliore assistenza sanitaria per tutti. Le persone sono preoccupate per la sicurezza della propria famiglia (63%), la minaccia di malattia (74%) e la parità di accesso all'assistenza sanitaria (54). Ben oltre i due terzi (71%) desiderano che il governo migliori l'offerta di assistenza sanitaria universale e il 53% richiede una migliore infrastruttura sanitaria.

 

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie