Sviluppo sostenibile: ASviS, il futuro che verrà

All'interno il video dell'evento

Redazione ANSA ROMA

 "Orientare le scelte, disegnare il futuro" . E' questo il titolo dell''evento di apertura dell'iniziativa "ASviS Live: tre passi verso il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2020": tre eventi trasmessi in streaming come percorso di avvicinamento alla manifestazione, riprogrammata dal 22 settembre all'8 ottobre a causa dell'emergenza sanitaria. Gli incontri sono stati ideati con l'obiettivo di riflettere insieme sul rilancio del Paese verso un futuro sostenibile e sollecitare il dibattito sulle politiche per cambiare modello di sviluppo nella direzione indicata dall'Agenda 2030. Oggi il primo degli incontri al quale partecipano il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Franz Timmermans, la ministra per le Pari Opportunità̀ e la Famiglia Elena Bonetti, il sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’autore e divulgatore scientifico Piero Angela. 

Durante  l'incontro, verrà presentato anche il nuovo sito "FUTURA network", una piattaforma creata dall'ASviS per stimolare la riflessione e il dibattito sui futuri possibili a partire dai temi proposti dall'attualità.

Il 28 maggio sempre alle 15:30 sarà la volta di "Verso una ripresa trasformativa all'insegna della resilienza e della sostenibilità" sull'urgenza di un percorso di trasformazione verso la sostenibilità economica, sociale e ambientale.
Il pomeriggio del 4 giugno alla stessa ora sarà la vota di "Ambiente, salute e società sostenibili: alla scoperta delle connessioni" sulle interazioni tra gli ambienti naturali e quelli antropizzati e sulle loro rispettive vulnerabilità. Per celebrare la Giornata mondiale dell'Ambiente, l'evento ospiterà il collegamento con la Living Chapel, un'installazione realizzata nell'Orto Botanico di Roma. 
 
    I tre eventi di ASviSlive vengono trasmessi in streaming sui siti festivalsvilupposostenibile.it e asvis.it, sulla pagina Facebook, sul canale Youtube e sui siti Ansa.it e ANSA2030, e sul sito ilsole24ore.com. Inoltre, sarà possibile partecipare al dibattito sui social utilizzando gli hashtag #versoilfestival e #ASviSlive.

Futuranetwork, sul futuro che verrà - È online FUTURAnetwork.eu, il sito dell'ASviS dedicato alle riflessioni sul futuro a partire dai problemi di oggi, per orientare le scelte da fare ora per costruire un futuro sostenibile . Il sito, spiega ASviS propone articoli, studi, interviste e ricerche focalizzate sulla necessità di orientare le decisioni, comprese quelle necessarie per rilanciare il Paese dopo la crisi pandemica, verso un futuro sostenibile dal punto di vista economico, sociale, ambientale e istituzionale, adottando una visione sistemica. FUTURAnetwork.eu, nato da un'idea di ASviS e di Fondazione Unipolis, è stato presentato oggi, durante il primo dei tre eventi in streaming di ASviSlive, "Orientare le scelte, disegnare il futuro", appuntamenti che anticipano il Festival dello sviluppo sostenibile, posticipato a settembre a causa dell'emergenza epidemiologica. "La crisi che stiamo vivendo ha cambiato significativamente il modo in cui governi, imprese, opinione pubblica guardano al futuro", sottolinea Enrico Giovannini, portavoce di ASviS. " Oggi sono più che mai necessarie scelte per migliorare il domani di tutti noi, dei nostri figli e nipoti, accogliendo pienamente la prospettiva della sostenibilità nelle sue implicazioni sociali, ambientali, economiche e di governance". "Si tratta di un altro contributo innovativo che l'ASviS offre al nostro Paese, proprio nel momento in cui la politica, il mondo imprenditoriale e la società tutta riflettono sulle politiche nazionali ed europee orientate a rilanciare l'Italia" spiega Pierluigi Stefanini, presidente di ASviS. L'Ansa e la RAI sono i media partner dell'iniziativa e con la collaborazione di RAI Teche verrà alimentata la rubrica "Il futuro visto da ieri", che recupera dagli archivi interviste a personaggi noti del passato che hanno espresso la propria visione del futuro. Si comincia con l'intervista ad Aurelio Peccei, fondatore del Club di Roma, realizzata nel 1973 da Piero Angela. 

ASviS, via ripresa è sviluppo sostenibile - Per far ripartire l'Italia c'è solo la via dello sviluppo sostenibile e l'Agenda 2030 è una scelta obbligata. Per il futuro del Paese si deve cambiare modello di sviluppo e guardare al medio-lungo termine scegliendo politiche che prevengano, preparino e proteggano da altri possibili shock. L'Agenda 2030 continua ad essere il punto di riferimento comune anche a livello europeo e l'Italia deve più che mai impegnarsi a rispettare il grande piano d'azione globale sottoscritto nel 2015. È quanto emerso oggi durante il primo evento di ASviSlive -Tre passi verso il Festival "Orientare le scelte, disegnare il futuro", iniziativa in diretta streaming dell'ASviS in vista del Festival dello sviluppo sostenibile 2020. All'evento inaugurale hanno partecipato, tra gli atri, il Vicepresidente Esecutivo della Commissione europea Franz Timmermans, la Ministra per le Pari Opportunità̀ e la Famiglia Elena Bonetti, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, l'autore e divulgatore scientifico Piero Angela. L'evento è stato l'occasione per lanciare FUTURAnetwork.eu, il sito dedicato alla riflessione e al dibattito per orientare le scelte da compiere oggi per realizzare il migliore tra i diversi futuri possibili. "La crisi che stiamo vivendo ha cambiato il modo in cui governi, imprese, opinione pubblica e le singole persone guardano al futuro", sottolinea Pierluigi Stefanini, presidente dell'ASviS "Per affrontare il cambiamento necessario e auspicabile occorrono politiche e scelte aziendali e individuali che guardino al medio-lungo termine per proteggere, promuovere, prevenire, preparare e trasformare i nostri sistemi socioeconomici".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA