Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Aggredirono ragazzino in stazione, denunciata una baby gang

Aggredirono ragazzino in stazione, denunciata una baby gang

In otto tra cui 7 minorenni. Verrà applicato il Decreto Caivano

VENEZIA, 26 febbraio 2024, 10:22

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Polizia Ferroviaria di Mestre (Venezia) ha identificato e denunciato otto ragazzi, sette dei quali minorenni, ritenuti responsabili dell'aggressione avvenuta a gennaio nella stazione ferroviaria di Spinea (Venezia), ai danni di un ragazzo quattordicenne.
    Gli agenti avevano soccorso la vittima, che presentava alcune ferite al volto ed era in evidente in stato di choc. Aveva raccontato che un gruppo di ragazzi e di ragazze lo aveva accerchiato e minacciato mentre si trovava sul binario della stazione, lo avevano colpito e spinto violentemente tanto da farlo cadere rovinosamente sui binari, ed erano scappati.
    L'episodio era stato visto anche da alcuni testimoni, che con le loro dichiarazioni hanno consentito di risalire agli otto componenti della "baby gang". L'unico maggiorenne è risultato avere precedenti per reati legati agli stupefacenti e per possesso di oggetti atti ad offendere; tre ragazze, tutte quindicenni, erano già state denunciate per violenza privata, minacce ed estorsione.
    Tutti sono stati denunciati in stato di libertà, uno alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia e gli altri alla Procura per i Minorenni. Gli atti inoltre sono stati trasmessi alla Polizia Amministrativa della Questura di Venezia che sta prendendo misure in base al "Decreto Caivano".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza