Veneto

Roberto Andò, racconto una Napoli sghemba

In chiusura al Lido Il bambino nascosto con Silvio Orlando

(ANSA) - VENEZIA, 11 SET - "Ho voluto raccontare Napoli nella sua ritrosia, la Napoli più sghemba, meno spudorata, più melanconica". Così Roberto Andò racconta IL BAMBINO NASCOSTO, film fuori concorso in questa 78/a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica con uno straordinario Silvio Orlando.
    Ci troviamo in un vecchio palazzo napoletano dove abita da molti anni Gabriele Santoro (Orlando), un solitario maestro di pianoforte al conservatorio di Napoli molto abitudinario e con qualche segreto. Un giorno, il figlio adolescente dei vicini, Ciro (Giuseppe Pirozzi), fugge da casa e si rifugia nell'appartamento del professore di musica. Intimorito per le sorti del bambino, che rischia di diventare vittima della malavita locale, Gabriele decide di proteggere Ciro e lo fa mettendo a rischio la sua stessa vita. "Una storia che si svolge a Napoli, in pochi metri quadrati, quelli dell'appartamento in cui un maestro di pianoforte tiene nascosto un bambino che non conosce. Pochi metri in cui si misurano il senso profondo della vita e la possibilità di amare e di essere amati - così racconta la storia il regista -. Il bambino è figlio di un camorrista e, come accade quando l'infanzia è negata, ignora l'alfabeto dei sentimenti. Il maestro di pianoforte è un uomo silenzioso, colto, solitario. Un uomo di passioni nascoste, segrete. La musica è il suo demone, la sua misura. Toccherà a lui lo svezzamento affettivo di un bambino difficile, ribelle. Una partita rischiosa in cui, dopo un'iniziale esitazione, si getterà senza remore".
    Nel cast del film, distribuito da 01, anche Lino Musella, Imma Villa, Sasà Striano, Tonino Taiuti, Gianfelice Imparato, Francesco Di Leva e Roberto Herlitzka. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie