Valle d'Aosta
  1. ANSA.it
  2. Valle d'Aosta
  3. COVID, il punto in Valle d'Aosta

COVID, il punto in Valle d'Aosta

"No al 'libera tutti' ma costruiamo assieme la ripartenza"

In Valle d'Aosta la diffusione del contagio da Covid-19 è in costante calo ma è ancora presto per abbassare la guardia. A lanciare un appello in tal senso è il presidente della Regione, Erik Lavevaz, che spiega: "I numeri di questi giorni confermano fortunatamente la rapida discesa della curva dei contagi. La situazione ospedaliera sta ritrovando normalità, anche se ancora molta attenzione è necessaria: abbiamo ritrovato i numeri da zona bianca, anche se il cambiamento di classificazione avrà bisogno ancora di alcune settimane per essere formalizzato". "Andiamo verso un quadro nuovo - ha aggiunto - con l'obbligo di mascherina che da venerdì sarà necessario all'aperto solo in caso di affollamento o di rischio di assembramento. Non cediamo insomma all'idea del 'libera tutti', ma godiamoci il ritorno di libertà sempre maggiori e costruiamo la ripartenza insieme".
    Il bollettino quotidiano conferma il rallentamento del contagio: nelle ultime 24 ore in Valle d'Aosta sono stati rilevati 96 nuovi casi positivi al Covid-19 e non ci sono stati decessi. Le guarigioni sono state 309. Il numero di attuali contagiati scende a 2.581, di cui 55 ricoverati all'ospedale (tre in terapia intensiva). In base ai dati diffusi dall'Agenas, l'occupazione in area medica di pazienti contagiati è sempre al 30% e quella in terapia intensiva al 9%.
    Sul fronte politico dalla lega Vda arriva un invito a consentire le visite ai pazienti ricoverati al Parini. "Molti ospedali e molte Regioni hanno deliberato - ha spiegato Nicoletta Spelgatti presentando un'interrogazione - per rendere possibili le visite dei parenti ai malati di Covid, soprattutto in terapia intensiva. Non morire in solitudine dovrebbe essere una priorità: la Giunta non ha mai preso in considerazione questa possibilità così come l'ospedale, in autonomia, non si è mai organizzato in tal senso". "Sono conscio della dolorosa situazione in cui si trovano i parenti, soprattutto nei casi di pazienti gravi, e - ha replicato l'assessore alla sanità, Roberto Barmasse - ci stiamo confrontando con i responsabili dei reparti per trovare delle modalità che, garantendo tutela e sicurezza dei congiunti, permettano la visita, almeno ai pazienti più gravi". 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie