Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Caso Martina Rossi, Albertoni e Vanneschi all'affido in prova

Caso Martina Rossi, Albertoni e Vanneschi all'affido in prova

Il Tribunale di Sorveglianza dispone la misura alternativa

AREZZO, 05 marzo 2024, 12:35

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, condannati nell'ottobre del 2021 in via definitiva a 3 anni per tentata violenza sessuale di gruppo contro Martina Rossi, dopo la semilibertà scontano la pena all'affidamento in prova ai servizi sociali. Lo ha stabilito il tribunale di sorveglianza di Firenze in due diverse udienze, di cui si apprende adesso, a luglio 2023 per Vanneschi e a metà febbraio scorso per Albertoni. I due giovani vennero processati per la morte della studentessa genovese che il 3 agosto del 2011 precipitò dal balcone di una camera di albergo a Palma di Maiorca (Spagna) dov'era in vacanza.

Albertoni e Vanneschi inizialmente scontavano la condanna in carcere e potevano uscire per lavorare prima di fare ritorno in cella ma i loro legali hanno fatto istanza per mitigare la detenzione. Il giudice di sorveglianza ha accelerato i tempi per Luca Vanneschi, a causa di questioni familiari, e ha deciso l'affidamento in prova già a luglio, poi ha confermato anche per Albertoni qualche settimana fa la stessa cosa. Sia Alessandro Albertoni che Luca Vanneschi osservano l'affido in prova presso un'associazione di volontariato e durante la notte hanno l'obbligo di non uscire. La loro condanna terminerà all'inizio del 2025.

Albertoni e Vanneschi "non hanno mai chiesto scusa, il minimo era che scontassero la pena in carcere", "il giudice ha sbagliato a concedere l'affido perché è venuto a mancare, proprio per questo, il principio di resipiscenza necessaria in questi casi". Così Bruno Rossi e Franca Murialdi, genitori di Martina, commentano l'affidamento in prova ai servizi sociali. La madre ha proseguito: "Così si dà solo il cattivo esempio ai giovani, loro non si sono mai pentiti". Infine papà Bruno: "Nessuno mi ridarà mai mia figlia".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza