/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gli 80 anni di Julio Iglesias

Gli 80 anni di Julio Iglesias

350 milioni di copie vendute, con l'Italia un legame speciale

ROMA, 22 settembre 2023, 11:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Paolo Biamonte) Poco meno di due anni fa, con un post su Instagram, Julio Iglesias smentiva le voci allarmanti sulle sue condizioni di salute.
    Sabato prossimo, 23 settembre, uno dei cantanti latini di maggior successo della storia, si parla di più di 350 milioni di copie vendute, compirà 80 anni, ma le voci su un suo declino psicofisico non si sono spente: sicuramente si fanno sentire con maggior forza le conseguenze del terribile incidente d'auto in cui fu coinvolto a vent'anni che lo costrinse non solo ad abbandonare una promettente carriera di portiere di calcio ma anche a sottoporsi a una lunga quanto durissima riabilitazione motoria per scongiurare il pericolo di non poter più camminare.
    E proprio in quegli interminabili giorni ha cominciato a scrivere i testi delle canzoni, mettendo i primi semi di una straordinaria carriera che lo ha reso famoso in tutto il mondo assicurandogli un posto d'onore tra i Paperoni dello show business, non per niente il suo nome fa parte della lista degli intestatari di società offshore pubblicata dai Panama Papers.
    Stando ai rumours quello che è stato uno degli uomini più desiderati, un paradigma della bellezza latina al maschile, avrebbe problemi a ricordare anche le sue canzoni.
    Nato a Madrid, Julio Iglesias lasciato il calcio, ha studiato inglese a Cambridge primo segno di una predisposizione rara nell'apprendere le lingue e nell'organizzare la sua carriera in modo scientifico: ha inciso in tedesco, inglese, francese, italiano, portoghese, spagnolo, giapponese e perfino in tagalog, che è un idioma parlato nelle Filippine.
    Con l'Italia ha sempre avuto un legame speciale, ha pubblicato diversi album, a cominciare da 'Sono un pirata, sono un signore', dove ci sono 'Pensami' e 'Abbracciami' ma il suo più grande successo nel nostro Paese rimane 'Se mi lasci non vale' scritta da Luciano Rossi e Gianni Belfiore.
    Il suo è un repertorio super melodico, immerso in sonorità e arrangiamenti rètro sempre pericolosamente vicini al kitsch che fanno da cornice ai testi che raccontano le sofferenze d'amore, la vita intesa come un drammone senza particolari in cronaca.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza