/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Padre Attanasio: 'Bene il Papa in Congo, non si dimentichi Luca'

Padre Attanasio: 'Bene il Papa in Congo, non si dimentichi Luca'

Speriamo che la sua presenza sproni le autorità congolesi

MILANO, 02 febbraio 2023, 17:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Dal punto di vista della ricerca della verità, mi auguro che la visita di Papa Francesco sproni le autorità congolesi a collaborare, cosa che finora non ho visto". Sono passati quasi due anni dalla morte di Luca Attanasio, l'ambasciatore in Congo ucciso il 22 febbraio 2021 in un agguato insieme al carabiniere della scorta Vittorio Iacovacci e all'autista Mustapha Milambo e suo padre Salvatore aspetta di sapere esattamente cosa è accaduto. "Speriamo che l'opinione pubblica tenga vivo il suo ricordo e l'attenzione in modo che le istituzioni non si adagino" ha aggiunto.
    "La speranza - ha detto Attanasio - è che si faccia luce su quanto è accaduto, con una verità vera e non costruita per far tacere le coscienze". Al momento sono due i procedimenti in corso. In Congo sono a processo sei persone accusate di essere gli autori materiali dell'attentato, un processo "alle ultime battute, ci dice il nostro avvocato. Forse mancano tre udienze e la sentenza ma si continua a rinviare", a Roma è stato chiesto il rinvio a giudizio nei confronti di due funzionari del Programma alimentare mondiale che non avrebbero garantito la sicurezza dell'Ambasciatore nella spedizione del Pam, durante la quale è stato ucciso, mentre è ancora aperto il filone di indagine sull'agguato. "Aspettiamo fiduciosi" ha assicurato, con un filo di amarezza".
    "Speriamo che qualcosa si muova e che vengano ascoltate le parole del Papa, che - ha sottolineato - non devono ascoltare solo i congolesi ma anche i Paesi occidentali, in testa l'Onu, perché lì la situazione è disastrosa".
    Un seminatore di speranza lo ha definito il Pontefice, con "parole positive per noi e per i congolesi che hanno toccato con mano l'aiuto di Luca, che sanno che era un costruttore di pace.
    "Il Congo è in una situazione assurda, oscurata dall'Occidente - ha concluso - e ora magari con la visita del Papa qualche coscienza si muove".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza