Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sport
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. Allegri denuncia ex compagna, 'spesi per sé soldi per il bimbo'

Allegri denuncia ex compagna, 'spesi per sé soldi per il bimbo'

Accusa appropriazione indebita e violazione obblighi familiari

 L'ex compagna dell'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri, Claudia Ughi, è accusata di appropriazione indebita e violazione degli obblighi familiari e il 5 luglio comparirà in aula, a Palazzo di Giustizia 'Bruno Caccia' di Torino, per l'udienza preliminare. A querelare la donna è stato proprio il mister, rappresentato dall'avvocato Pietro Gaetano Nacci Manara, che sostiene che Ughi abbia utilizzato per sé e per pagare le rette universitarie di sua figlia il denaro destinato al mantenimento del figlio 11enne dei due. Claudia Ughi, difesa dall'avvocato Davide Steccanella e dall'avvocato Paolo Davico Bonino, respinge ogni accusa, mentre il fascicolo è finito sul tavolo del pubblico ministero Davide Pretti che, dopo la querela, ha coordinato le indagini della guardia di finanza. 
Dall'inchiesta sarebbe emerso che ci sarebbero state oltre 200mila euro di spese indebite su 600mila euro che Ughi aveva percepito dopo la fine della relazione con Allegri. Una relazione durata 13 anni è terminata nel 2017. I due avevano trovato un accordo al tribunale civile di Torino, dove l'allenatore della Juventus si impegnava a versare diecimila euro al mese per il mantenimento del figlio.     Nel 2021, visto che da due anni non sedeva su nessuna panchina, Allegri aveva chiesto di ridurre la cifra a cinquemila euro.     Richiesta respinta. Da qui la querela contro la Ughi.     La vicenda segue a stretto giro quella di un'altra coppia dai nomi noti finita in Tribunale, quella di Chiambretti, che avrebbe chiesto la modifica delle condizioni di affidamento della figlia alla ex, Federica Laviosa. Chiambretti stesso ha però immediatamente smentito attraverso la sua legale l'intenzione "di sottrarre parte dell'assegno di mantenimento".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie