Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Hamas ha distrutto Gaza, Israele vuole cacciarci'

'Hamas ha distrutto Gaza, Israele vuole cacciarci'

Regna l'incertezza tra gli sfollati della Striscia a Rafah

TEL AVIV, 19 dicembre 2023, 22:41

di Sami al-Ajrami

ANSACheck

Rafah © ANSA/AFP

Rafah © ANSA/AFP
Rafah © ANSA/AFP

Nelle strade di Rafah, all'estremità sud di Gaza, fra le masse di sfollati, emergono sentimenti di ostilità verso Hamas. Chi dovrebbe assumere il controllo della Striscia all'indomani della guerra, se il presidente Abu Mazen oppure altre figure politiche, adesso importa relativamente. Su un punto tutti sembrano invece concordare: l'opposizione ad una prosecuzione del controllo di Hamas. "Quello che ci rende furiosi - dicono alcuni di loro all'ANSA - è che Hamas sembra avere un'elevata popolarità in Cisgiordania e nel mondo arabo... nessuno capisce perché a Gaza la gente ormai odia Hamas".

I danni provocati negli anni dalla fazione alla società e all'economia della Striscia, spiegano, sono innumerevoli. "Questa guerra però per noi è stata un elemento definitivo di rottura". Il paradosso tuttavia, a loro parere, è che dopo una lunga separazione fra Gaza (sotto Hamas) e la Cisgiordania (sotto al-Fatah) la divisione del popolo palestinese non si ricucirà nemmeno dopo il conflitto. "Se si svolgeranno elezioni - prevedono in molti - Hamas prevarrà in Cisgiordania e sarà sconfitto a Gaza, mentre al Fatah vincerà a Gaza per perdere invece in Cisgiordania".

 "L'importante per noi - dice Mohammed Hijazi, un agricoltore di Rafah - è poter vivere una vita normale, senza più combattimenti, senza più l'isolamento della Striscia". Mohammed possiede appezzamenti di terra vicino a Khan Yunis, e vende le sue verdure sia nel mercato locale sia in Europa. Ma le tasse esose di Hamas lo hanno messo in difficoltà. Si sente penalizzato perché ha fama di non sostenere quel movimento. "Hamas - dice lui - ha distrutto Gaza, ha distrutto la nostra esistenza". Chi verrà al suo posto per Mohammed conta poco: "L'importante è che ci porti stabilità e sicurezza".

 Ahmad Nassar, 52 anni, sfollato a Rafah da Jabalya, dice di aver perso molte speranze. "Il mio negozio di prodotti elettrici a Gaza City - racconta - è bruciato. La mia casa è stata distrutta. Non ho più niente". Saranno necessari decenni per ricostruire quanto è andato distrutto. In particolare nel nord della Striscia occorrerà rifare tutte le infrastrutture: le fognature, il sistema idrico, la rete elettrica, le strade, le scuole. "La mia sensazione - sostiene Ahmad - è che Israele, anche se non lo ammette in maniera esplicita, vuole che lasciamo Gaza".

Il futuro appare oscuro anche a Etaf Salama, 36 anni, madre di due bambine e tre maschi. Residente nel campo profughi di Khan Yunis, vestita secondo le regole conservatrici islamiche, pensa che se fosse costretta ad emigrare in Europa si sentirebbe spaesata. In passato sosteneva Hamas. Adesso dice che comunque vada vorrebbe restare a Gaza: "Non chiedo altro - precisa - che condurre una vita normale e stabile, senza essere mai più obbligata ad abbandonare la mia casa".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza