Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gaza, media palestinesi: 8 morti in raid israeliano sull'ospedale Indonesiano

Gaza, media palestinesi: 8 morti in raid israeliano sull'ospedale Indonesiano

Un tunnel e un comando di Hamas sotto lo Shifa. Pechino: pronti a lavorare per la pace

TEL AVIV, 20 novembre 2023, 08:30

Massimo Lomonaco

ANSACheck

Un tunnel e un comando di Hamas sotto l 'ospedale al Shifa - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un tunnel e un comando di Hamas sotto l 'ospedale al Shifa - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un tunnel e un comando di Hamas sotto l 'ospedale al Shifa - RIPRODUZIONE RISERVATA

Le forze israeliane hanno bombardato e circondato l'ospedale Indonesiano, nel nord di gaza, uccidendo 12 persone secondo hamas. In precedenza i media palestinesi avevano parlato di 8 vittime, tra le quali pazienti e persone in cerca di riparo. I notiziari locali affermano che è andata via la corrente nel nosocomio e che le forze israeliane sparano a chiunque cerchi di lasciare la struttura.

Hamas ha fatto sapere che, oltre ai dodici morti, ci sono anche "decine" di feriti. "L'esercito israeliano sta assediando l'ospedale Indonesiano e temiamo che lì accada la stessa cosa che ad al Shifa", un altro ospedale recentemente evacuato, ha sottolineato il portavoce del ministero della Sanità di Hamas, Ashraf al-Qidreh.

La Cina è disposta a lavorare per aiutare a "ristabilire la pace in Medio Oriente il prima possibile" e "per raffreddare rapidamente la situazione a Gaza". E' quanto ha detto il ministro degli Esteri Wang Yi, nel discorso di apertura tenuto a Pechino in occasione dell'incontro con una delegazione di diplomatici provenienti da Paesi arabi e a maggioranza musulmana, annunciato domenica a sorpresa. Tra i presenti figurano i ministri degli Esteri di Arabia Saudita, Giordania, Indonesia, Egitto e Palestina, nonché il segretario generale dell'Organizzazione per la cooperazione islamica.

Alcuni ostaggi rapiti da Hamas il 7 ottobre sono stati portati nell'ospedale al Shifa, sotto il cui complesso sono stati scoperti non solo un tunnel a dieci metri di profondità, ma anche una sala comando dei miliziani al livello -2 di uno degli edifici. Lo ha reso noto l'esercito israeliano, che ha diffuso un video in cui si vedono due delle persone rapite proprio all'interno della struttura sanitaria. Lì dove avrebbe trovato la morte anche la soldatessa Noa Marciano.
    Ad illustrare i risultati di giorni e giorni di ricerche e indagini a tappeto dentro e fuori il campus dell'ospedale è il portavoce militare Daniel Hagari, con tutta l'area continua a restare sotto i riflettori delle forze armate israeliane con l'obiettivo di scovare nuove prove.
    Gli ostaggi che appaiono nel video sono stati identificati: si tratta di "un nepalese e un thailandese", trascinati a forza dentro l'ospedale e ripresi dalle telecamere di sorveglianza "tra le 10.42 e le 11.01" del 7 ottobre. Mentre il tunnel costruito dai miliziani e scovato dai soldati israeliani è lungo 55 metri sotto il complesso ospedaliero. Vi si accede attraverso una profonda scala, ed è dotato da vari sistemi di difesa, tra cui una porta anti esplosivo e un foro per sparare all'esterno.
    La scoperta sotto un capannone, accanto a un veicolo contenente numerose armi tra cui lanciagranate, esplosivi e fucili kalashnikov". Il tunnel è ancora in gran parte inesplorato e i soldati israeliani continuano a setacciarne il precorso.
    L'Oms ha definito l'ospedale una "zona di morte" ed ha annunciato l'intenzione di voler evacuare dall'ospedale tutti i pazienti ed il personale sanitario. Si tratta di 291 pazienti e 25 operatori sanitari, mentre i 31 bambini nati prematuri sono già usciti - secondo il direttore generale dell'ospedale, Mohammad Zaqout - accompagnati "da tre medici e due infermieri".
    Sul terreno le forze armate israeliane stanno sempre più consolidando il controllo della parte nord della Striscia, e il capo di stato maggiore dell'esercito, Herzi Halevi, ha approvato i piani per la continuazione della operazione di terra. Fonti palestinesi e di Hamas hanno fatto sapere che nuovi raid di Israele hanno causato decine di vittime. Secondo l'agenzia Wafa, 15 palestinesi sono stati uccisi in un attacco contro i campi profughi di Nuseirat, nel nord della Striscia, e Khan Yunis, al sud. Il ministero della sanità di Hamas ha poi denunciato detto che 41 membri di una sola famiglia sono stati uccisi in un raid contro la loro casa a Gaza City. Ma l'esercito ha obiettato che 35 ingressi di tunnel militari sono stati scoperti durante perquisizioni di appartamenti di esponenti di Hamas nei rioni di Sheikh Ajlin e di Rimal, a Gaza City. Inoltre, malgrado Rimal sia considerata una zona essenzialmente residenziale, al suo interno - ha continuato - sono state trovate svariate infrastrutture di Hamas, fra cui postazioni per il lancio di razzi.
    Intanto il premier israeliano Benyamin Netanyahu è tornato ad attaccare l'Autorità nazionale palestinese (Anp), sostenendo che "il ministero degli Esteri palestinese ha pubblicato un comunicato sconvolgente in cui nega che Hamas sia responsabile della strage terribile al rave nel kibbutz Reim, attribuendola a Israele". Una polemica che nasce da un articolo di Haaretz in cui si citano fonti della polizia - che ha smentito - secondo cui "un elicottero israeliano sparando ai terroristii ha colpito accidentalmente alcuni partecipanti al festival".
    Resta ancora altissima, infine, la tensione in Cisgiordania e al confine con il Libano. Nella Striscia secondo il ministero della sanità di Hamas, i morti per gli attacchi israeliani arrivati a quota 13.000, tra cui più di 5.500 minorenni e 3.500 donne.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza