ANSAcom

  • Scuola: Generali, ai bambini piace tecnologica e sostenibile
ANSAcom

Scuola: Generali, ai bambini piace tecnologica e sostenibile

Osservatorio "Ora di futuro", forte l'attenzione all'ambiente

ROMA ANSAcom

Una scuola piena di tecnologie innovative ma, al tempo stesso, immersa nella natura, ecosostenibile e ricca di spazi per lo sport e lo svago. La immaginano così i bambini della Generazione Alpha ascoltati dall’Osservatorio "Ora di Futuro", progetto promosso da Generali Italia e The Human Safety Net, giunto alla terza edizione. Attraverso 8.500 elaborati, realizzati dagli alunni di oltre 5.000 classi di III, IV e V elementare di tutta Italia, è emersa la richiesta di un ambiente aperto al mondo e al tempo stesso protetto, dove imparare i ritmi della terra e mangiare in modo sano, una scuola capace di fare conoscere il mondo circostante attraverso viaggi reali ma anche virtuali.

Dagli elaborati emerge inoltre come la generazione Alpha sia ottimista per il futuro; attenta all’ambiente (il 70% degli elaborati affronta tematiche ambientali); amante degli animali e desiderosa di conoscere il mondo. I bambini immaginano inoltre un futuro con tecnologie avveniristiche e robot: il 58% degli elaborati, infatti, rappresenta aule tecnologiche. Particolare attenzione, poi, alle necessità manifestate dai nuclei familiari: empatia, vicinanza e socialità è la richiesta che arriva delle famiglie fragili con bambini da 0 a 6 anni. Sono inoltre emerse situazioni di stress, ansia e disagio psicologico, nei genitori e nei bambini più vulnerabili, dovuti all’isolamento provocato dal lockdown.

Appare evidente, sottolinea l'Osservatorio, come i bambini chiedano più protezione, più ascolto e più comunità. Le scuole e le classi sono spesso immaginate come ambienti protetti, in cui imparare in serenità. Inoltre la Generazione Alpha, uscita dall’esperienza del Covid, sembra meno orientata a un impegno attivo nella società. È quindi necessario che il mondo degli adulti li ascolti di più. In ultimo i bambini hanno bisogno di una comunità di cui sentirsi parte e da cui sentirsi supportati e protetti. Nel corso della presentazione dell'Osservatorio al Senato, la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha sottolineato come "chiedere ai bambini di immaginare la scuola e la classe del futuro è stata una formidabile intuizione. Ci ha restituito, infatti, un patrimonio prezioso di idee, suggestioni e proposte". "I bambini - ha ricordato - colpiti più di altri in quest'ultimo anno dagli effetti dell'emergenza sanitaria, sono stati privati di luoghi, di relazioni e di opportunità per la loro crescita e lo sviluppo della loro personalità".

Dieci le mozioni per la scuola del futuro avanzate da una delegazione di alunni nel corso della presentazione. Tra le varie proposte si trovano spazi destinati a "laboratori di riciclo" di carta e plastica, da riutilizzare per creare nuovi oggetti di uso scolastico; banchi con pedali per produrre energia pulita e alimentare i tablet in dotazione e la Lim di classe; una serra fotovoltaica; un laboratorio di cucina che utilizzi le risorse ottenute per la produzione di verdure per la mensa scolastica.

"Ora di Futuro rappresenta il nostro impegno verso le nuove generazioni, perché sono loro il nostro futuro. Il futuro di tutti", dichiara Marco Sesana, country manager & ceo di Generali Italia e Global Business Lines. L'Osservatorio, spiega, "nasce tre anni fa, facendo dialogare i temi della sostenibilità con la didattica più innovativa. Cresce con il coinvolgimento attivo di ragazze e ragazzi, insegnanti, famiglie, associazioni e istituzioni e crea comunità. I bambini ci chiedono una scuola al centro della loro vita per apprendere, crescere e liberare le loro emozioni. Nei centri Ora di Futuro incontriamo storie di quotidiana straordinarietà, grazie al gran lavoro fatto insieme alle Onlus per sviluppare un patto educativo con le famiglie". "Ora di Futuro - conclude - è un seme che sta crescendo, e mai come oggi dobbiamo innaffiarlo, con impegno e ottimismo. L’ottimismo che è la caratteristica principale dei nostri bambini”.

Il progetto Ora di Futuro ha coinvolto nei tre anni 180.000 bambini, 11.000 classi e 16.500 famiglie, crescendo nel 2021 con nuove partnership e nuovi contenuti. Tra questi una piattaforma ancora più accessibile per includere i bambini con Dsa; nuovi podcast sul tema dell’inclusione digitale; lo sviluppo di nuove piattaforme digitali e percorsi formativi per l’uso consapevole della tecnologia per educatori e famiglie; coaching e supporto psicologico a bambini e famiglie durante l’emergenza sanitaria.

In collaborazione con:
Generali

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie