/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Meloni al Festival delle Regioni: 'Nessuno scontro con le toghe, esplosiva la situazione dei migrantiì'

Meloni al Festival delle Regioni: 'Nessuno scontro con le toghe, esplosiva la situazione dei migrantiì'

La presidente del Consiglio ricorda il naufragio di Lampedusa: 'Un dovere porre fine alla strage in mare'

04 ottobre 2023, 11:06

Redazione ANSA

ANSACheck

Giorgia Meloni al Festival delle Regioni - RIPRODUZIONE RISERVATA

Giorgia Meloni al Festival delle Regioni - RIPRODUZIONE RISERVATA
Giorgia Meloni al Festival delle Regioni - RIPRODUZIONE RISERVATA

La premier Giorgia Meloni è arrivata a Torino per partecipare alla giornata conclusiva del Festival delle regioni. Il villaggio delle Regioni a piazza Castello a Torino ricorda come "l'Italia sia un mosaico di territori dalle potenzialità straordinarie, ogni territorio può contare su energie e risorse estremamente importanti che meritano di essere conosciute, valorizzate e messe in rete. Questo patrimonio è il nucleo della nostra forza ed è fondamentale per rafforzare il senso di appartenenza alla nazione", ha detto aggiungendo che "il piano Mattei per l'Africa è un progetto strategico italiano su cui puntiamo a coinvolgere Europa soprattutto, che stiamo elaborando, che porteremo in Parlamento" e sul quale "chiederemo il coinvolgimento di tutti". 

 

La premier ha invitato a "cogliere le opportunità dalle crisi che si stanno affrontando". Meloni ha parlato dell'obiettivo di "lavorare per restituire al Mediterraneo la sua centralità", una "scelta di strategia" perché "se il futuro è il tema delle materie prime allora l'Africa non è un continente povero, potenzialmente è un grande produttore di energia", ha detto. "Lavoriamo a reti di collegamento", come il "cavo sottomarino con la Tunisia". "L'Europa si trova a dover fare i conti con questa realtà", ha aggiunto. Il piano Mattei per l'Africa è un "progetto strategico" che "significa mettere insieme molte cose: lo sviluppo dei paesi africani di fronte a una situazione esplosiva per la quale il governo dei flussi migratori diventa ovviamente estremamente difficile, significa restituire all'Italia il ruolo che ha nel Mediterraneo".

"Abbiamo deciso di intervenire, riunendo sia le gestione il Pnrr sia i fondi di coesione, per avere una visione unitaria e strategica delle risorse che avevamo a disposizione". 

 

La Zes unica è uno strumento per "ridurre il divario fra Nord e Sud, la considero una grande vittoria, una grandissima opportunità per il Mezzogiorno di competere ad armi pari col resto della nazione".

"Le proposte arrivano dalle Regioni ma devono saper rientrare in una strategia di sviluppo". "Gli accordi prevedono un meccanismo automatico di definanziamento per le risorse non usate. C'è un lavoro per superare inerzie e inadempienze, ma noi dobbiamo riuscire a spendere al meglio tutte le risorse perché non ne abbiamo molte e ci sono tante cose da fare", ha aggiunto. L'obiettivo è avere "una nazione più competitiva in un arco di tempo breve". Sul Pnrr bisogna "correre correre correre".

"E' importante la collaborazione tra Stato e Regioni, penso che la leale collaborazione tra diversi livelli sia presupposto irrinunciabile per dare risposte concrete, che poi è quello che tutti abbiamo responsabilità di fare". "Penso che la leale collaborazione debba riguardare la strategia complessiva non solo" l'assegnazione delle risorse, "funziona se tutti andiamo nella stessa direzione, se riusciamo a capire il ruolo della nostra nazione nel mondo", domanda cui "non sempre l'Italia" ha saputo rispondere.

La premier ha parlato anche della stagione delle riforme che "deve andare avanti con "determinazione". "Quello che abbiamo davanti parallelamente è anche l'anno delle riforme con cui intendiamo cambiare l'architettura" istituzionale, permettere ai cittadini "di decidere da chi farsi governare, che impedisca i ribaltoni, i giochi di palazzo" e garantisca "stabilità dei governi". "L'autonomia differenziata proseguirà senza stop. L'occasione per un'Italia più unita coesa e forte", per "garantire a tutti i cittadini lo stesso livello dei servizi", per dare "più poteri alle Regioni garantendo sempre coesione nazionale". 

"L'impegno sulle liste di attesa per abbatterle lo ribadiamo anche oggi, e bisogna lavorare passo dopo passo, il vantaggio che abbiamo è un orizzonte di legislatura".

 

"Un sistema sanitario efficace è l'obiettivo di tutti", ma è "miope" una discussione concentrata tutta sulle risorse, serve "un approccio più profondo", con una riflessione "anche su come le risorse vengono spese. Non basta necessariamente spendere di più" se poi le risorse vengono spese in modo inefficiente. "L'obiettivo principale per ognuno di noi è la sostenibilità del sistema sanitario ben sapendo che ci muoviamo in un contesto complesso". "Non vogliamo rinunciare ad occuparci di salute, partendo dal potenziamento dalle risorse" per il personale" e per "abbattere le liste di attesa". Meloni ha invitato "tutti" ad un confronto con "coraggio e lealtà e verità anche su come le risorse vengono spese"

 

Sulla questione della decisione della giudice di Catania Iolanda Apostolico finita nella bufera per non aver convalidato il trattenimento nel Cpr di Pozzallo di tre migranti, Meloni sottolinea che  "non c'è nessuno scontro con la magistratura. Dico quello che penso, è un tema che riguarda una sentenza specifica". "Semplicemente la magistratura è libera di disapplicare una legge del governo e il governo è libero di dire che non è d'accordo. La motivazione - ha aggiunto la premier conversando con i giornalisti a Torino - con la quale si rimette in libertà un immigrato regolare con provvedimento di espulsione dicendo che le sue caratteristiche fisiche sarebbero quelle che i cercatori d'oro in Tunisia considerano buone per i loro interessi a me pare francamente una motivazione molto particolare. Quindi dico quello che penso perché ognuno ha autonomia di pensiero sua io ho la mia. E' un tema che riguarda la sentenza specifica. Poi l'interpretazione di un attacco alla magistratura mi fa molto riflettere perché penso di avere anche il diritto di dire che non sono d'accordo se viene disapplicata una legge del governo".

Infine, la premier ha commentato le proteste e gli scontri avvenuti a Torino in occasione della sua visita all'evento delle Regioni: "Se le contestazioni sono dei centri sociali, lo considero perfettamente normale. Anzi, mi ricorda che sono dalla parte giusta della storia, se mi contestano quelli che insultano le forze dell'ordine e organizzano il racket delle occupazioni abusive". 

.

 

Il ricordo di Lampedusa: 'Un dovere porre fine alla continua strage in mare'

"Ricordiamo oggi con profonda commozione il tragico naufragio di Lampedusa di dieci anni fa, in cui persero la vita 368 persone. Da allora troppe tragedie si sono ripetute per raggiungere le coste d'Europa ed è nostro preciso dovere porre fine a questa continua strage, anche bloccando la partenza delle imbarcazioni di fortuna". Lo dichiara la premier Giorgia Meloni.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza