Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Salvini: "Non possiamo accettare le forzature di Pd e M5s"

Salvini: "Non possiamo accettare le forzature di Pd e M5s"

Droga e Ius scholae? "Gli italiani vogliono risposte su altro"

 "Osserviamo con preoccupazione le continue provocazioni di Pd e 5Stelle. Invece di lavorare in Parlamento sull'aumento di stipendi e di pensioni, legalizzano droghe e regalano cittadinanze facili". Intervistato dal Corriere della Sera, il leader della Lega, Matteo Salvini, osserva che "questo governo non è nato per spalancare le porte ai 27 mila clandestini sbarcati fino a ora". E "legalizzare le droghe sarebbe una follia: non riduce la criminalità, anzi rafforza le organizzazioni criminali che potranno agire alla luce del sole, ha effetti pesanti sulla salute dei giovani favorendo l'ingresso dei ragazzi nel mondo della droga".
    Quanto allo Ius scholae riflette: "I dati Istat dimostrano una devianza molto elevata fra i giovani immigrati, notevolmente superiore rispetto ai coetanei italiani. Le percentuali di devianza e le differenze rispetto agli italiani si riducono invece notevolmente dopo i 45 anni". Secondo Salvini, "è necessario un vero percorso di integrazione. La cittadinanza va meritata non regalata. In caso contrario si rischia di aumentare la disgregazione sociale".
    Secondo la Lega, "gli italiani vogliono risposte su lavoro, costi dell'energia, inflazione che erode pensioni e salari, abbattimento del carico fiscale, liberazione dai lacci burocratici. Bloccare il Parlamento per votare Ius scholae e droga libera è contro gli interessi del Paese. Siamo stati fin qui molto responsabili: dalla guerra alla pandemia alla riforma fiscale, pur facendo valere le nostre posizioni. La dialettica è il sale della democrazia. Non possiamo però accettare una forzatura che rischia di danneggiare l'Italia e gli italiani".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie