Google alza la voce con l'Australia

Minaccia lo stop se sarà costretto a pagare i media

(ANSA) - SYDNEY, 22 GEN - Google minaccia per la prima volta di bloccare il suo motore di ricerca in Australia se Canberra non modificherà il suo piano per costringere il gigante californiano a pagare i media per i loro contenuti. Il governo australiano sta lavorando a un "codice di condotta vincolante" che dovrebbe regolare i rapporti tra i media in grande difficoltà finanziaria e i colossi che dominano internet, tra cui Google e Facebook, che catturano una quota significativa degli introiti pubblicitari. Questo progetto prevede sanzioni per diversi milioni di euro in caso di violazione e prende di mira il 'feed di notizie' di Facebook e le ricerche su Google.
    Ma l'amministratore delegato di Google Australia, Mel Silva, ha dichiarato oggi in un'audizione al Senato australiano che lo "scenario peggiore" sarebbe che la bozza di codice passi così com'è, aggiungendo che il suo gruppo si vedrà in futuro costretto a "sospendere" i suoi servizi di ricerca in Australia.
    Una minaccia alla quale il primo ministro australiano Scott Morrison ha risposto bruscamente: "L'Australia stabilisce le regole su ciò che può essere fatto in Australia. È il nostro Parlamento che decide", ha detto. "Le persone che sono disposte a lavorare in questo contesto in Australia sono le benvenute. Ma non ci pieghiamo alle minacce". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie