Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Omicron infuria nel mondo, in Cina misure rigide (2)

(XINHUA) - PECHINO, 04 DIC - UNA RISPOSTA RAPIDA "Per affrontare le varianti altamente contagiose, prima individuiamo un'infezione, prima possiamo agire per eliminarla", ha rivelato a Xinhua Ma Xiaowei, direttore della Commissione Sanitaria Nazionale.
    Tutti i focolai di casi locali nella recrudescenza di Covid-19 avvenuta in Cina dalla metà di ottobre provengono da oltreoceano e, al suo picco, la nuova ondata ha raggiunto più di 20 suddivisioni a livello provinciale.
    Nel trattare questi casi importati della variante Delta, la maggior parte delle suddivisioni è riuscita a tenere sotto controllo il focolaio entro un periodo di incubazione di circa 14 giorni.
    Con l'obiettivo di contenere il virus nel periodo di incubazione, le agenzie cinesi competenti hanno sfruttato appieno il cosiddetto 'periodo d'oro', ovvero le prime 24 ore dall'individuazione di un contagio, per identificare i soggetti che erano entrati a stretto contatto con il positivo, per isolare gli individui potenzialmente infetti prima della diffusione del Covid-19, o prima che il paziente positivo potesse trasmettere il virus, ha aggiunto Ma, considerando la strategia come una procedura essenziale per la lotta della Cina contro l'epidemia.
    Quello della 'velocità' è stato un imperativo durante l'intero processo, poiché solo attraverso un'azione rapida si può ridurre al minimo la diffusione del virus.
    Di recente, Shanghai è riuscita a mettere sotto controllo una recrudescenza del virus in tre giorni.
    Subito dopo la segnalazione dei tre casi, le autorità locali hanno attivato una risposta di emergenza: il governo locale ha ordinato agli investigatori epidemiologici di recarsi sul posto entro due ore, completare le indagini di base entro quattro ore e concludere i rapporti epidemiologici entro 24 ore. (SEGUE)

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie