Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: a Ningxia cortili condivisi per turismo rurale (2)

(XINHUA) - YINCHUAN, 20 OTT - "Era inimmaginabile 20 anni fa", commenta l'abitante del villaggio Luo Jinhu. A quel tempo, gli abitanti di Yongxin erano appena stati trasferiti nella zona dal montuoso Xihaigu, un'area del Ningxia tra le più povere della Cina a causa della siccità e di una fragile ecologia.
    Quando sono arrivati nella loro nuova casa, il posto era molto desolato. L'unica cosa buona era che data la vicinanza al Fiume Giallo, potevano usarlo come fonte d'acqua. Partendo da zero, hanno trasformato la terra selvaggia in fattorie per la coltivazione di bacche di goji e verdure, e per l'allevamento di bestiame.
    Per sviluppare il turismo rurale, il villaggio ha organizzato sessioni di formazione in cucina e ospitalità per gli agricoltori.
    "Il loro servizio è addirittura migliore di quello di molti hotel stellati", dice Ma.
    La famiglia di Luo era considerata indigente e riusciva a malapena ad arrivare a fine mese. Grazie ai cortili condivisi, Luo ha iniziato a gestire un ristorante con cucina cinese unica.
    Dal 2018 il reddito annuale della famiglia supera i 100.000 yuan.
    Lo sviluppo del turismo ha anche migliorato l'ambiente del villaggio. Ampie strade fiancheggiate da alberi, fiori e lampioni ricordano alla gente i parchi cittadini e le case dal design delicato deliziano i turisti.
    "Abbiamo intenzione di sostenere ancora più abitanti del villaggio a unirsi allo sviluppo dei cortili condivisi", spiega Li. "Continueremo a migliorare i servizi e a garantire che i turisti si godano la vita idilliaca qui". (XINHUA)

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie