Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: nello Henan riportata alla luce antica rete idrica

Risalente alla dinastia Shang (1.600 a.C. - 1.046 a.C.)

(ANSA-XINHUA) - ZHENGZHOU, 26 GEN - Un team di archeologi cinesi ha riportato alla luce le rovine di un antico sistema idrico urbano risalente alla dinastia Shang (1.600 a.C. - 1.046 a.C.) nella provincia cinese centrale dello Henan. Il sistema idrico urbano, ritenuto il primo della dinastia, fa parte delle rovine di Yanshi, un'antica città scoperta dagli archeologi nel 1983.
    La città si estende per circa 2 chilometri quadrati ed è stata costruita su tre livelli: la grande città, la piccola città e il palazzo cittadino.
    "Il sistema idrico interno era usato principalmente per il drenaggio e il sistema idrico esterno comprendeva un fossato e due corsi d'acqua", ha detto Chen Guoliang, un archeologo dell'Accademia Cinese delle Scienze Sociali e a capo del team archeologico delle rovine di Yanshi.
    Secondo Chen, i sistemi idrici interni ed esterni erano collegati, il che non solo facilitava il drenaggio e preveniva il ristagno dell'acqua, ma abbelliva anche il palazzo con un laghetto artificiale di quasi 3.000 metri quadrati.
    Gli archeologi hanno anche confermato che erano presenti almeno due fossati a est e a ovest della piccola città, che ipotizzano siano stati scavati durante diversi periodi.
    Lo scavo delle rovine di Yanshi è ancora in corso.
    (ANSA-XINHUA).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie