Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cameron affronta Lavrov sulla morte di Navalny al G20 di Rio

Cameron affronta Lavrov sulla morte di Navalny al G20 di Rio

Il ministro russo, 'contrari ad un'indagine internazionale'

RIO DE JANEIRO, 22 febbraio 2024, 21:25

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

La morte dell'attivista anti-Cremlino Alexei Navalny è stata sollevata da alcune delegazioni all'incontro dei ministri degli Esteri del G20, a Rio de Janeiro. Ma di fronte alle osservazioni, la Russia, rappresentata alla riunione da Serghei Lavrov, è "rimasta in silenzio". Lo ha spiegato l'Alto rappresentante dell'Unione europea, Josep Borrell, ad un gruppo ristretto di media internazionali, rispondendo all'ANSA.
    Ad affrontare di petto Lavrov è stato il capo della diplomazia del Regno Unito David Cameron, che rivolgendosi direttamente all'omologo, ha affermato che la Russia ha ucciso Navalny e che per questo ora "la dovrà pagare".
    Nel corso dell'intervento di Cameron, Lavrov ha evitato il contatto visivo, continuando a fissare il cellulare.
    Più tardi, in una conferenza stampa a margine dei lavori, il ministro russo ha ribadito il rifiuto ad un'indagine internazionale sulla morte dell'oppositore, perché "nessuno ha il diritto di interferire negli affari interni" del Paese, soprattutto alla luce della vicenda di Julian Assange, il giornalista australiano incarcerato in Gran Bretagna su cui pende una richiesta di estradizione negli Usa.
    Lavrov ha anche lamentato che alle autorità di Mosca non sono mai stati fatti vedere i risultati delle analisi del sangue eseguite su Navalny nel 2020 in Germania, dove fu ricoverato dopo un avvelenamento. Una cosa "indecente e ingiusta", ha affermato.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza