Economia
  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. PMI
  4. Pmi: Toscana, già 6 domande per bando innovazione digitale

Pmi: Toscana, già 6 domande per bando innovazione digitale

Per le aree interne, montane e insulari

(ANSA) - FIRENZE, 07 OTT - Già sei domande di domande di partecipazione al bando per l'innovazione digitale nelle aree interne, montane e insulari che prevede contributi a fondo perduto da un minino di 20.000 ad un massimo di 150.000 euro, a copertura del 60% degli investimenti. Lo rende noto la Regione Toscana che parla di primo, significativo successo" che testimonia il gradimento dell'avviso i cui fondi sono concessi fino ad esaurimento del budget a disposizione, pari a 1,8 milioni di euro.
    Il bando rientra nella misura che ha l'obiettivo di promuovere la competitività delle Piccole e medie imprese, e sostenere le cooperative di comunità e i progetti di economia collaborativa, inizialmente destinata a sostenere i progetti delle cooperative di comunità e successivamente rivista nella denominazione includendo anche i progetti di 'economia collaborativa'.
    "Lo stiamo presentando - ha spiegato l'assessore regionale alle attività produttive, Leonardo Marras intervenendo all'Internet festival - per cercare di diffondere la cultura digitale nelle aree interne e per invitare imprese e professionisti a promuovere stili di vita più agili e ad avere nuove opportunità come sono quelle cui si accede con gli investimenti in connettività. Crediamo nella possibilità di integrare le aree più lontane con quelle più consolidate.
    Vogliamo fornire opportunità laddove ci siano interesse e vivacità ad approntare progetti di sviluppo di impresa. Insomma siamo ben disponibili a finanziare la volontà di innovare". Il finanziamento serve anche a risollevare le attività economiche ed i territori dalla crisi causata dalla pandemia e si rivolge specificatamente a territori fragili: quelli montani, le aree interne e insulari, vale a dire quei territori in cui proprio a seguito della pandemia è emersa l'urgente necessità di servizi, accanto a nuovi bisogni ma anche a nuove opportunità e nuove progettualità. Si colloca in questo ambito la riscoperta delle aree interne e della necessità di offrire servizi per consentire un loro ripopolamento. Proprio in ragione di queste premesse il bando pone il focus non sul tipo di impresa potenzialmente beneficiaria ma sui contenuti dei progetti che si intendono sostenere, che devono dare l'opportunità di fruire di servizi di cui beneficia la comunità tutta, al tempo stesso utilizzando soluzioni innovative e digitali. I progetti devono inoltre contribuire a raggiungere gli obiettivi di ripopolamento per attrazione di nomadi digitali e smart workers; di ripopolamento per insediamento di nuove imprese; di incremento del livello e contenuto di innovazione della attività economiche nel Comune interessato dal progetto. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      BANCA IFIS


      Modifica consenso Cookie