Economia

Borsa: Milano sale con Europa e Wall street, bene Stellantis

Stacco cedola pesa su Snam e Terna, ok Unicredit con vendita Npl

(ANSA) - MILANO, 21 GIU - Prima seduta di settimana progressivamente sempre più tonica per la Borsa di Milano, con l'indice Ftse Mib che ha chiuso in crescita dello 0,71% a 25.397 punti e l'Ftse All share in aumento dello 0,60% a quota 27.864.
    Piazza Affari si è mossa in linea con gli altri mercati azionari europei, tutti sostenuti dalla partenza migliore delle aspettative di Wall street: Francoforte ha chiuso in aumento di un punto percentuale, Londra in crescita dello 0,6% e Parigi dello 0,5%.
    Ben intonato anche lo Spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni, con il differenziale che ha concluso gli scambi telematici a 105 punti base, rispetto ai 107 dell'avvio di seduta, e il rendimento del prodotto del Tesoro allo 0,875%.
    In questo quadro, Piazza Affari ha dovuto fare i conti con il giorno di stacco dei dividendi per diverse società, tra quelle dell'indice Ftse Mib Snam, Terna, Pirelli, Poste, Stm, Telecom ed Exor. Ovvio che i cali 'contabili' maggiori riguardino proprio titoli dello stacco cedola, con Snam in ribasso finale del 3,7%, Terna del 3,1% e Poste dell'1,5%. Qualcuno è comunque riuscito a chiudere anche in terreno ampiamente positivo, come Pirelli salita dell'1,5% finale. Bene Unicredit (+1,8% dopo la cessione di un pacchetto di Npl), con Prysmian in aumento del 2,7% dopo un contratto di fornitura negli Stati Uniti. Ma gli acquisti nel paniere principale si sono concentrati soprattutto su Stellantis, in rialzo del 3,3% a 17 euro dopo prospettive migliorative sul Brasile e un report positivo di Equita.
    Tra i titoli 'minori', debole la Juventus scesa del 3,2% a 0,71 euro dopo le ipotesi di stampa di un aumento di capitale in autunno, mentre ha corso del 30% a 2,92 euro Clabo, sul cui titolo non sarà consentita l'immissione di ordini senza limite di prezzo fino a nuova comunicazione di Borsa italiana. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie