Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scala: protesta delle ex maschere 'no al precariato'

Scala: protesta delle ex maschere 'no al precariato'

Prima dell'anteprima giovani del Don Carlo

ROMA, 03 dicembre 2023, 17:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Scala precaria come il resto d'Italia": è lo striscione srotolato davanti al teatro milanese da alcune decine di giovani ex maschere che chiedono "un lavoro dignitoso perché non esiste cultura senza dignità lavorativa".
    La protesta, con anche volantinaggio, avviene nel giorno in cui alla Scala va in scena l'anteprima giovani del Don Carlo che il 7 dicembre inaugurerà la stagione. "Abbiamo scelto di parlare all'anteprima under 30 perché siamo giovani che parlano ai giovani" ha spiegato Beatrice Sella, lei stessa ex maschera. I contratti che vengono fatti, ha raccontato, sono per prestazioni intermittenti per una durata massima di 12 mesi e poi non vengono rinnovati. "Secondo la direzione - ha spiegato Paolo Puglisi della Cgil - ogni sera di apertura servono 101 maschere. Solo una trentina hanno contratti a tempo indeterminato perché negli anni scorsi hanno vinto cause. Gli altri sono precari. La nostra proposta, finora non accolta, è che i giovani siano assunti a termine con la garanzia di una durata pari al loro ciclo di studi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza