Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Simon Messner sulle orme di papà Reinhold in un film

Simon Messner sulle orme di papà Reinhold in un film

"Avrebbe preferito che facessi altro, conosce infatti i rischi"

(ANSA) - BOLZANO, 28 OTT - Cinquant'anni dopo la tragedia sul Nanga Parbat, nella quale perse la vita Günther Messner, il fratello Reinhold è tornato con il figlio Simon ai piedi dell'Ottomila per ricordare i tragici fatti. Il viaggio diventa anche occasione per i due per analizzare il loro rapporto padre-figlio. Simon racconta la loro esperienza nel film "Traditional Alpinism", la prima pellicola non realizzata in cordata con il padre, ma da solo per raccontare - tra l'altro - Reinhold. Il 30enne segue le orme di suo padre non solo con i film di montagna, ma anche come alpinista. "Avrebbe preferito che facessi altro, proprio perché sa cosa significa arrampicare e quali sono i rischi", dice il figlio.
    Il film è dedicato soprattutto all'alpinismo tradizionale, quello senza 'trucchetti', che lega i due Messner. Reinhold è infatti considerato il 're degli ottomila' per aver scalato per primo tutte le 14 vette che superano questa quota e soprattutto per averlo fatto rigorosamente senza bombole d'ossigeno. Simon si dedica invece alle vette inviolate. Nel suo palmarès annovera già sei- e settemila mai scalati prima. I rapporto padre-figlio non è sempre facile, soprattutto se il genitore è una figura così ingombrante come lo è Reinhold. Sono comunque più le cose che legano i due di quelle che li separano. Simon seguirà le orme di suo padre non solo in montagna, ma anche come contadino.
    Questo inverno il 30enne e sua compagna Anna, entrambi microbiologhi, si trasferiranno da Innsbruck a Castel Juval, la dimora dei Messner in val Venosta, e gestiranno i due masi delle famiglia. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie