Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Travaglio assolto in Cassazione, non ha diffamato Sala

Travaglio assolto in Cassazione, non ha diffamato Sala

Annullate senza rinvio le condanne in primo e secondo grado

ROMA, 24 febbraio 2024, 16:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La quinta sezione della Corte di Cassazione ha assolto il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, annullando senza rinvio la condanna di primo e secondo grado per diffamazione nei confronti del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, perché il fatto non costituisce reato.
    La vicenda è nata da alcune affermazioni rese dal giornalista in una puntata di Otto e mezzo, nel giugno 2018, dopo che sul quotidiano era stato pubblicato un articolo su un finanziamento da 50mila euro per la campagna elettorale del 2016 da parte del costruttore Luca Parnasi, successivamente coinvolto in una inchiesta sullo stadio della Roma che aveva toccato il Movimento 5 Stelle. Travaglio, riferendosi ad un incontro tra il sindaco e il costruttore per il nuovo stadio del Milan avvenuto nel marzo del 2018, aveva sottolineato che Sala si muoveva "in pieno conflitto di interessi e lo ringraziava dicendosi gratissimo con lui", chiedendosi perché si chiedevano le dimissioni dell'allora sindaco di Roma, Virginia Raggi, "che non prendeva soldi, invece di chiederle per un sindaco che li prendeva". Nell'intervento Travaglio aveva specificato che si trattava di un finanziamento lecito, anche se inopportuno e non trasparente. Il sindaco aveva sostenuto in tribunale che da parte di Travaglio era arrivata "un'accusa non troppo velata non sostenuta dai fatti", mentre si era trattato di un finanziamento "trasparente". Aveva poi specificato di aver incontrato Parnasi perchè quest'ultimo aveva ricevuto un incarico da parte del Milan per un'ipotesi di nuovo stadio e che era stata comunque chiusa ogni porta all'ipotesi di realizzazione dello stadio nello scalo Farini.
    Ora, in attesa delle motivazioni della sentenza, il sindaco dovrà restituire i circa 20mila euro pagati dal direttore de Il Fatto Quotidiano a titolo di risarcimento, con gli interessi.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza