Sicilia

Teatro, musica e incontri: a Morgantina il Barbablù Fest

Dal 19 agosto al 4 settembre la Rassegna ideata da Buttafuoco

Redazione ANSA PALERMO

(ANSA) - PALERMO, 24 LUG - Le pietre parlano, e cantano, ecco come un palcoscenico classico torna a oggi con il BarbablùFest - sostenuto dall'Assessorato regionale ai Beni culturali e all'Identità siciliana - . Si parte in effetti da uno dei reperti più importanti riconsegnati alla Sicilia, la Testa di Ade (trafugata, ritrovata al Getty Museum di Malibu e restituita) ma lo si chiama in causa con il suo nomignolo affettuoso e popolare, che nasce da quei riccioli blu della barba, e che sa tanto di fiaba: Barbablù, o, come recita il mood del festival, tutto quello che la testa ci fa dire sul mito, teatro, musica e altro.
    Nasce su questo impercettibile filo che fugge l'ovvio, un nuovo festival che per la prima volta porta teatro, dibattito e musica nel parco archeologico di Morgantina (Enna), diretto da Liborio Calascibetta. Dal 19 agosto al 4 settembre,nei due spazi vicini all'interno del sito archeologico, l'Odeon e l'Ekklesiasterion, un cartellone voluto dall'assessore ai Beni culturali e all'Identità siciliana, Alberto Samonà, costruito dal drammaturgo e regista Giuseppe Dipasquale, da un'idea di Pietrangelo Buttafuoco. Produzione ed organizzazione generale a cura di Terzo Millennio di Andrea Peria.
    "Il mito, la tradizione, il linguaggio antico eppure contemporaneo, perché universale, del teatro - sottolinea l'assessore Samonà -. E ancora, la musica che guarda oltre, all'interno di ciascuno di noi, proprio come i libri e le narrazioni su testi e suggestioni letterarie. Non poteva debuttare in modo migliore questa prima edizione di BarbablùFest, un progetto culturale che intende sviluppare nel cuore della Sicilia centrale, a Morgantina, un ampio dibattito sulla cultura, sulla nostra identità, sul ruolo stesso della Sicilia. A partire dai linguaggi dell'arte, dalla riflessione sull'attualità e con solide radici piantate in una terra antica".
    "BarbablùFest è un festival pensato per l'area archeologica di Morgantina - afferma il direttore artistico Giuseppe Dipasquale - come progetto di incontri tra le varie culture artistiche della vasta area del Mediterraneo".
    Il festival segue tre direttrici principali, musica, teatro e incontri. Si apre il 19 agosto con il concerto di Lello Analfino&Tinturia per chiudersi il 4 settembre con la multietnica Orchestra di Piazza Vittorio. Tra gli appuntamenti musicali, il 27 agosto il concerto di Roberto Cacciapaglia, con il suo "Cosmos", e un tributo a Franco Battiato di Juri Camisasca & Radiodervish, il 29 agosto. Il programma teatrale si apre il 21 agosto con Clitemnestra scritto da Luciano Violante, presidente emerito della Camera, con Viola Graziosi, diretta da Giuseppe Dipasquale. Il 22 agosto l'attore e regista Ninni Bruschetta e la pianista, compositrice e direttore d'orchestra Cettina Donato presentano I Siciliani. Vero succo di poesia. Il 23 agosto sarà la volta di Salvo Piparo, con Un giudice come Dio comanda per presentare - con un'introduzione a viva voce di Giuseppe Sottile - il suo cunto speciale su Rosario Livatino. Ed ancora a chiudere Roberto Nobile il 25 agosto che trarrà le sue Le storie del mondo dalle Metamorfosi di Ovidio; Mariano Rigillo con Il soffio degli Dei calato nel dolore tangibile delle Troiane di Seneca, il 28 agosto; Mario Incudine, Antonio Vasta e Manfredi Tumminello per raccontare I Mille del Ponte, il 31 agosto. Chiude il teatro, Leo Gullotta, in Minnazza - miti e pagine di Sicilia, regia di Fabio Grossi il 3 settembre.
    All'interno del calendario, anche una serie di incontri e presentazioni prestigiose: Maria Giovanna Maglie con il suo e-book "I Dannati del Covid"; le avventure del brillante Saverio Lamanna in "Màkari" (Sellerio) con Gaetano Savatteri; la Lectura Dantis di Aldo Cazzullo. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie