Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ingv, Etna laboratorio naturale per studio di vulcano su Venere

Ingv, Etna laboratorio naturale per studio di vulcano su Venere

Nuove prospettive della ricerca astrogeologica

CATANIA, 17 gennaio 2024, 10:33

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa, potrebbe svelare i segreti del vulcanismo del pianeta Venere: sarebbe infatti un possibile analogo terrestre per lo studio di Idunn Mons, un vulcano venusiano forse tutt'ora attivo e che in base ai dati attualmente disponibili si ritiene abbia eruttato in tempi geologici recenti.
    Venere e i suoi vulcani, attivi e non, sono tra gli obiettivi principali delle future missioni che studieranno il gemello della Terra. A lanciare la proposta dell'Etna è un team internazionale di ricercatori guidati dall'Istituto Nazionale di Astrofisica in collaborazione con i vulcanologi dell'Osservatorio Etneo dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv-Oe). Lo studio "Mount Etna as a terrestrial laboratory to investigate recent volcanic activity on Venus by future missions: a comparison with Idunn Mons, Venus', è stato recentemente pubblicato sulla rivista Icarus.
    "Questo lavoro - dice il direttore dell'Osservatorio Etneo dell'Ingv e coautore dell'articolo Stefano Branca - evidenzia ancora di più questo aspetto anche per quanto riguarda lo studio del vulcanismo planetario, come nel caso di Venere. Infatti, le notevoli conoscenze sulla storia eruttiva del vulcano siciliano, acquisita durante gli studi realizzati per la pubblicazione della carta geologica dell'Etna alla scala 1:50.000, unitamente alle conoscenze sull'attività recente hanno permesso di fare una comparazione morfostrutturale con il vulcano Idunn al fine di individuare possibile evidenza di vulcanismo attivo su Venere".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza