Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Addio a Malcolm Bell, l'archeologo di Morgantina

Addio a Malcolm Bell, l'archeologo di Morgantina

In prima linea nella difesa del patrimonio culturale siciliano

NEW YORK, 10 gennaio 2024, 18:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'archeologo Malcolm (Mac) Bell, a lungo direttore degli scavi di Morgantina in Sicilia e in prima linea nella difesa dell'eredità culturale dell'isola minacciata dai tombaroli e collezionisti senza scrupoli, è morto a 82 anni. Ne dà notizia sul suo sito l'Accademia Americana a Roma.
    esperto di arte e urbanistica greca e romana, Bell era approdato in Italia negli anni Sessanta con una borsa Fulbright dopo la quale, grazie a un Rome Prize dell'Academy, aveva lavorato alla tesi di dottorato sulle terrecotte di Morgantina.
    Era poi passato a insegnare all'università della Virginia, portando ogni anno studenti in Sicilia. Il rapporto con il sito archeologico di Morgantina era per lui così forte che nel 2008 la moderna cittadina di Aidone gli ha conferito la sua prima cittadinanza onoraria.
    Grazie a Bell, nel 2011 il museo di Aidone era rientrato in possesso della colossale statua di una dea (comunemente conosciuta come la Venere di Morgantina) acquistata anni prima dal J.P. Getty Museum di Malibu. L'anno prima era tornato in Sicilia, sempre grazie all'insistenza dell'archeologo sul Metropolitan Museum di New York e sulle autorità italiane, un servizio di sedici pezzi in argento per usi rituali e da tavola dopo che il museo ne aveva constatato la provenienza illegale.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza