Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Finanziaria supera primo step, regge l'accordo all'Ars

Finanziaria supera primo step, regge l'accordo all'Ars

Ok a 15 articoli. Secondo round 28-29 dicembre, voto l'8 gennaio

PALERMO, 22 dicembre 2023, 17:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si è chiuso in tempi record il primo step della finanziaria, con un passo in aula addirittura più spedito rispetto alla tabella di marcia concordata in conferenza dei capigruppo. Tanto che alla fine della seduta parlamentare di oggi, durata poco meno di due ore, è stato tirato il freno a mano, segno che l'obiettivo del 31 dicembre su cui puntava con insistenza l'assessore all'Economia Marco Falcone non era poi così utopistico.
    Quindici gli articoli approvati in meno di sette ore di lavori parlamentari tra ieri e stamattina: quindi aula sospesa e tutti a casa per il Natale. Si rientrerà a sala d'Ercole il 28 e 29 dicembre. Da valutare rimangono altri quindici articoli. Poi ci sarà il maxi emendamento - con dentro anche le norme suggerite dall'opposizione per le quali ballano circa 9 milioni di euro - e il voto finale previsto per l'8 gennaio.
    A ribadire la timeline è stato il presidente dell'Ars Gaetano Galvagno, che prima del liberi tutti ha voluto rassicurare ancora una volta la minoranza sul rispetto dei patti e in particolare il M5s, che in aula ha rimarcato la necessità di finanziare alcune norme, tra cui il contrasto alla violenza di genere, la lotta al crack e la dotazione di parrucche per le pazienti sotto cura oncologica. La mediazione di Galvagno è servita a disinnescare l'ostruzionismo dell'opposizione, per giorni sulle barricate; determinante per l'accoro raggiunto anche il ruolo avuto dal governatore Renato Schifani, presente in aula ieri e oggi, e del vice presidente della Regione con delega ai rapporti con l'Ars, Luca Sammartino. "Il senso di responsabilità" del Parlamento e del governo, la definizione è di Sammartino, ha seppellito sul nascere le velleità di chi, tra le fila del centrodestra, aveva ipotizzato - nella fase del muro contro muro - di poter persino usare in aula il voto di fiducia come grimaldello per fare cadere tutti gli emendamenti della minoranza, un inciso del regolamento parlamentare mai utilizzato e di controversa interpretazione.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza