Sicilia
  1. ANSA.it
  2. Sicilia
  3. Superbonus: Bongiorno, rischio default imprese in Sicilia

Superbonus: Bongiorno, rischio default imprese in Sicilia

Leader Sicindustria, Dl Sostegni ter affonda settore edile

(ANSA) - PALERMO, 29 GEN - In Sicilia, grazie al Superbonus 110 e ai bonus edilizi, il numero delle imprese è aumentato di oltre 3mila unità toccando quota 51 mila, con un incremento di oltre il 30% di posti di lavoro e ldi quasi il 40% delle masse salariali: ora però il settore rischia il default per le nuove regole introdotte nel Dl Sostegni ter dal governo Draghi, che pone forti limitazioni alla cessione del cedito . A lanciare l'allarme è il presidente di Sicindustria, Gregory Bongiorno "Una scelta che, seppur condivisibile nell'ottica di contrasto alle possibili frodi, cambia nuovamente le regole del gioco a partita iniziata, danneggiando migliaia di imprese oneste impegnate in interventi di riqualificazione energetica e sismica, che si troveranno costrette a rivedere le condizioni contrattuali con i propri committenti con il rischio concreto di contenziosi - avverte Bongiorno - Ma non solo. Tirando il freno a mano di un'auto in corsa, ci si ribalta". Il presidente di Sicindustria aggiunge: "Occorre evidenziare, tra l'altro, che le aziende a gennaio stanno già facendo i conti con un ulteriore incremento dei prezzi delle materie prime, oltre a quello già subito lo scorso anno". "Se a questo si somma la modifica prevista dall'art. 28 del Dl Sostegni ter che limita la cessione del credito d'imposta ad una sola volta, il danno è servito con conseguenze disastrose per un settore che, dopo anni di crisi profonda, aveva finalmente ripreso fiato - prosegue Bongiorno - La limitazione prevista comporta infatti che le operazioni di cessione del credito d'imposta potranno essere effettuate unicamente da banche di grandi dimensioni con capienza fiscale adeguata, venendosi così a creare una pericolosa concentrazione del mercato con un inevitabile allungamento dei tempi di istruttoria e di erogazione, se non addirittura un aumento dei costi delle operazioni di cessione. La richiesta è, quindi, che si rivedano le modifiche previste, e in particolare l'art. 28, non limitando le ulteriori cessioni di credito tra banche e intermediari finanziari vigilati da Banca d'Italia, in grado di garantire in ogni caso la tracciabilità dei flussi finanziari ed escludere quindi la possibilità di frodi". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie