Sardegna

Cagliari: ds, ingaggio Godin pesante per le casse del club

Capozucca, società sana ma potrebbero esserci uscite importanti

Il Cagliari del futuro alle prese con un ridimensionamento economico, come molti altri club. E il calciomercato dovrà tenerne conto. Parola del direttore sportivo Stefano Capozucca, all'indomani dell'incontro a tre con Giulini e Semplici che ha portato alla conferma del tecnico toscano.
    "Il club ha investito molto - ha spiegato Capozucca - ma anche la situazione ha determinato mancati introiti. Per carità, la società è sanissima. Ma, per fare un esempio, non potrà più permettersi un ingaggio come quello di Godin.
    Grande professionista e giocatore, ma è un discorso economico".
    Sempre per lo stesso tipo di discorso, il Cagliari - ha detto Capozucca - non è interessato a inseguire la conferma di Rugani.
    Per lo stesso motivo sono complicati anche i casi Nainggolan e Sottil. Anche se per queste due situazioni le porte non sono ancora chiuse. "Abbiamo già parlato con l'Inter per Radja - ha rivelato Capozucca - e non sono minimamente interessati a venirci incontro. Con lui ho avuto sempre un rapporto molto franco, è stato uno dei protagonisti di questa salvezza. Ma non è un discorso semplice".
    Sottil? "Il riscatto è molto alto - ha spiegato - dalla sua ci sono qualità ed età: valuteremo". Capozucca non ha nascosto che potrebbero esserci uscite importanti: "Faccio un altro esempio, quello di Cragno- ha detto- di fronte a richieste adeguate potrebbe partire. C'è Vicario. E nel caso di una partenza dovremmo cercare anche un altro portiere". Non è incedibile nemmeno Nandez. "Vogliamo trattenere i giocatori più importanti e Nandez lo è. Certo è che se arrivano certe richieste poi sono i contratti proposti a far andare via i giocatori".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie