Ordini professionali a governo, 'sì accesso al fondo perduto'

Calderone-Zambrano, 'esclusi da misure governative per autonomi'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 04 AGO - "Milioni di professionisti ordinistici restano esclusi, anche dopo la conversione in legge del decreto Rilancio, dalla norma che disciplina il contributo a fondo perduto a favore degli autonomi e delle imprese, previsto per sostenere l'economia italiana nell'attuale fase di grave crisi cagionata dall'emergenza epidemiologica in corso".
    Esclusione, questa, recita una nota, "denunciata con forza da Ordini e Collegi professionali già durante l'iter di conversione in legge del decreto e che tuttora continua a creare disappunto tra i 2,3 milioni di professionisti italiani, duramente colpiti dalla crisi, che non riescono a comprendere i motivi di tale scelta. Nonostante l'ascolto riservato ai professionisti dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, agli Stati Generali dell'Economia e l'impegno a cercare una soluzione per cancellare l'iniziale esclusione contenuta nel decreto gli iscritti agli Ordini continuano a non poter beneficiare dei contributi emergenziali". Ecco perché, si legge, il Comitato unitario delle professioni (Cup), guidato da Marina Calderone, e dalla Rete delle professioni tecniche (Rpt), coordinata da Armando Zambrano, parte un nuovo appello al premier per sanare questa esclusione. "Ancora una volta, le professioni intellettuali rimangono escluse non solo dalle tutele previste per il lavoro dipendente come cassa integrazione o divieto di licenziamento e dalle provvidenze destinate alle imprese, ma anche da misure pensate espressamente per sostenere il comparto del lavoro autonomo italiano". Per Cup ed Rpt si tratta di "un grave errore di valutazione che certamente avrà nefaste ripercussioni su di una realtà di importanza strategica per il futuro del Paese, sia perché legata inevitabilmente all'economia della conoscenza, sia perché cruciale nel garantire corretti rapporti tra i cittadini e le Pubbliche amministrazioni italiane", si chiude la nota.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie