Covid: Emapi, ha evidenzato stato precario professionisti

Audizione Ente mutua assistenza costituito a interno dell'Adepp

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 09 DIC - Le misure governative messe in atto per i lavoratori autotomi, nel corso della pandemia da Covid-19, "hanno messo in evidenza quanto fosse precaria e difficile la condizione dei professionisti" italiani. A dirlo il presidente dell'Emapi (Ente di mutua assistenza per i professionisti italiani) Demetrio Houlis, audito oggi dalla Commissione Bicamerale di controllo sull'attività degli Enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale. Il 'bonus' da 600/1.000 euro, introdotto dal decreto 'Cura Italia', anticipato dalle Casse private per conto dello Stato, ha raggiunto, infatti, oltre 502.000 iscritti agli Enti, cui l'indennità è stata concessa in base a precisi 'tetti' di reddito richiesti (aver dichiarato nel 2018 meno di 35.000 euro, o dai 35.000 ai 50.000 euro, ma avendo avuto un calo di 1/3 delle entrate nel primo trimestre dell'anno, ndr). Houlis ha ricordato come l'Emapi sia stata costituita all'interno dell'Adepp (l'Associazione che riunisce 20 Casse), quando, "a partire dagli anni Duemila, gli Enti hanno iniziato ad interrogarsi sulle esigenze di un welfare integrato" per le diverse platee di professionisti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie