PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

  1. ANSA.it
  2. ANSA PNRR
  3. Trentino-Alto Adige/Südtirol
  4. >ANSA-BOX/Pnrr: Fugatti, ampliarlo o ridimensionare progetti

>ANSA-BOX/Pnrr: Fugatti, ampliarlo o ridimensionare progetti

Presidente Trentino, Piano influenzato dall'aumento dei costi

Redazione ANSA TRENTO

(ANSA) - TRENTO, 23 MAR - "Il Pnrr viene influenzato fortemente dal tema energetico e c'è anche il tema dei costi delle opere, che oggi aumentano, come quelli delle materie prime. Il Pnrr deve essere ricalibrato in qualche modo. Se si volesse ragionare sull'impostazione iniziale per cui determinate risorse andavano ad una certa parte del Paese andrebbe valutata anche la capacità di mettere a terra le opere. Inoltre o si ampliano i fondi rispetto ai 200 miliardi previsti oppure si devono ridimensionare i progetti, perché oggi, con questi soldi, non si fanno le stesse opere dei sei mesi fa ". Lo ha detto il presidente del Trentino Maurizio Fugatti, che ha partecipato ad un Ansa Forum con il direttore dell'agenzia Luigi Contu. Un tema, quello del Piano nazionale di ripresa e resilienza, che in mattinata aveva affrontato anche il presidente del Consiglio, Mario Draghi: "Un ripensamento del Pnrr? No, non occorre nelle sue scadenze e nei suoi obiettivi. Il piano è cruciale per aumentare la crescita permanentemente. Ci sono alcuni aspetti del Pnrr che vanno affrontati", ha detto il premier, come "l'aumento costi" e dei "prezzi delle materie prime. È in corso" su questo una, "discussione in commissione Ue".
    Fugatti ha ricordato che "il maggior investimento è il collegamento nord-sud con il Tunnel del Brennero e su questo noi abbiamo 930 milioni di euro investiti sulla circonvallazione ferroviaria di Trento. C'è una forte collaborazione tra Provincia, Rfi e Comune perché le risorse sono importanti e stiamo lavorando in modo costante, anche con delle criticità, perché il territorio deve essere 'accompagnato'. Però resta il fatto che il collegamento è anche un aspetto di innovazione trasportistica, cioè togliere autoarticolati dalle autostrade e metterli su rotaia ha una valenza ambientale avveniristica e crediamo che questa possibilità debba essere sfruttata", ha concluso.
    Ad oggi il plafond di risorse assegnate alla Provincia autonoma di Trento è di 1,2 miliardi di euro (un anno fa era stato annunciata una cifra pari a circa 2,2 miliardi con 32 progetti possibili) con progettualità suddivise in 3 macro ambiti: 322 milioni di euro per interventi di enti pubblici, 13,4 milioni di euro per interventi di soggetti privati e 930 milioni per interventi dello Stato, nello specifico proprio la circonvallazione ferroviaria di Trento, proposta da Rete Ferroviaria Italiana e che fa parte del corridoio ferroviario europeo Verona-Brennero. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: