PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

  1. ANSA.it
  2. ANSA PNRR
  3. Italia digitale
  4. Soverini: mancano 5mila tecnici in cyber sicurezza

Soverini: mancano 5mila tecnici in cyber sicurezza

A Bologna nuovo modello nazionale per formare futuri specialisti

Redazione ANSA BOLOGNA

(ANSA) - BOLOGNA, 13 GIU - "Siamo partiti dalla necessità che la pubblica amministrazione e le imprese hanno carenza di specialisti nella cyber security", "dobbiamo rispondere a questa carenza di personale", esigenza tanto più urgente dal momento che nel 2021 gli attacchi informatici nel mondo sono aumentati del 10% rispetto all'anno precedente. Non solo: gli attacchi contro l'Europa rappresentano il 21% (cioè un quinto) del totale mondiale. Lo ha sottolineato Serse Soverini, deputato Pd primo firmatario della proposta di legge sulla riorganizzazione del sistema di istruzione e formazione tecnica superiore oggi a Bologna per presentare un protocollo d'intesa sulla formazione nella sicurezza informatica. "Siamo di fronte a un vuoto enorme", ha sottolineato l'onorevole, a mancare all'appello sono cinquemila unità di tecnici che non si riescono a trovare.
    Quello presentato oggi è un progetto ambizioso che si inserisce nel più ampio percorso verso la transizione digitale del Pnrr. Di fronte alla carenza su scala nazionale di tecnici specializzati in cyber security, il Comune di Bologna ha firmato un protocollo d'intesa con Città Metropolitana e i Comuni dell'area metropolitana per formare i tecnici di domani. Un progetto nazionale a cui prendono parte anche il ministero dell'Istruzione e il ministero della Transizione digitale, insieme alla Regione Umbria.
    "Andava creato un percorso condiviso e per farlo abbiamo messo in campo la pubblica amministrazione, partendo dai comuni, l'Its, la Regione, il ministero della Transizione digitale e il ministero dell'Istruzione. Insomma, un lavoro di tessitura molto forte, e adesso siamo in grado di aprire i primi corsi tra Bologna e Perugia", ha detto Soverini. "L'obiettivo - continua - è riuscire a diplomare dagli 8 ai 10 mila studenti all'anno, in modo da rispondere alla domanda, ma anche essere all'altezza delle sfide poste dalla transizione digitale". "Perché - conclude - la sicurezza informatica è un pezzo fondamentale della transizione digitale". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: