/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il marito dell'influencer in carcere: procura, pericolo di fuga

Il marito dell'influencer in carcere: procura, pericolo di fuga

L'uomo aveva parlato di gesto autolesionistico della moglie

TORINO, 23 maggio 2024, 12:52

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Durante l'ultimo sopralluogo di ieri nell'abitazione, sono emerse nuove anomalie rispetto al racconto che Jonathan Maldonato, accusato di tentato omicidio della moglie Siu, l'influencer Soukaina El Basri, aveva fatto ai magistrati. Per questo e "considerata la gravità indiziaria acquisita e rilevato la concretizzazione di un pericolo di fuga", la Procura ha emesso il fermo per Maldonato, con l'accusa di tentato omicidio pluriaggravato. Ora l'uomo è in carcere a Biella in attesa della convalida. Ad affermarlo in una nota è la procuratrice di Biella Teresa Angela Camelio.
    Maldonato inizialmente aveva sostenuto che la moglie si fosse ferita al torace dopo essere scivolata sull'angolo di un mobile.
    Ma quando era già iscritto nel registro degli indagati, ai magistrati, che avevano ritenuto inattendibile il suo racconto aveva detto, cambiando versione, che la donna si era ferita in un gesto "autolesionistico".
    "Veniva eseguito un secondo sopralluogo da parte degli inquirenti con la persona sottoposta ad indagini e il suo difensore presso l'immobile in sequestro nel corso del quale Maldonato indicava la presumibile arma con la quale El Basri si sarebbe colpita - spiega Camelio - A seguito dell'escussione delle persone informate sui fatti, delle prime osservazioni fornite dal medico legale nominato dalla Procura e degli esiti dei primi atti di indagine, veniva nuovamente rilevata la contraddittorietà di tale ulteriore versione, anche in relazione alla tipologia di arma indicata da Maldonato"
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza