Percorso:ANSA > Nuova Europa > Croazia > I problemi del magnate austriaco fanno tremare gli investitori

I problemi del magnate austriaco fanno tremare gli investitori

Rene Benko è uno degli uomini più ricchi d'Austria

19 novembre, 16:11

(ANSA-AFP) - VIENNA, 19 NOV - Il gruppo immobiliare austriaco co-proprietario dell'iconico edificio Chrysler di New York ha avvertito di un'imminente "ristrutturazione" che ha gettato i riflettori su diversi progetti precari e sul ricco magnate dietro la società. Rene Benko, una delle persone più ricche d'Austria, con un patrimonio netto di 6 miliardi di dollari secondo Forbes, ha fatto crescere il suo gruppo Signa in un gigante del settore immobiliare da quando lo ha fondato nel 2000. Tuttavia, poiché il settore è colpito dall'aumento dei costi di finanziamento e dall'impennata dei prezzi dei materiali, un numero crescente di costruttori sta dichiarando bancarotta. Diversi progetti di Signa, tra cui la costruzione di un grattacielo storico in Germania, si sono arenati, rendendo gli investitori nervosi per i loro soldi. A conferma dei suoi problemi, Signa ha annunciato la scorsa settimana che Benko si sarebbe dimesso dal suo comitato consultivo mentre il gruppo preparava un "piano per le fasi essenziali della ristrutturazione" entro la fine di novembre. "Signa simboleggia il boom immobiliare degli ultimi anni, in cui il denaro a buon mercato è stato prontamente distribuito per ogni progetto, non importa quanto audace", ha scritto il quotidiano austriaco Die Presse in un editoriale di questo mese. "Un ambiente perfetto per Benko, che ha contratto prestiti da capogiro senza vergognarsi. La sostenibilità non ha avuto alcun ruolo", si legge.
    - Mai così noioso diventare ricchi" - Nato nel 1977 a Innsbruck da una famiglia della classe media, Benko ha lavorato da adolescente con un amico restaurando soffitte prima di abbandonare la scuola e fondare Signa. Tra i primi acquisti c'è stato un grande magazzino di Innsbruck, che Benko ha trasformato in un moderno centro commerciale. Da allora, Benko ha aggiunto al suo portafoglio l'edificio Chrysler e la galleria commerciale berlinese KaDeWe, espandendosi anche nei media e in altri settori. Secondo quanto riferito, a un certo punto la società ha cercato di attirare gli investitori con slogan del tipo "Non è mai stato così noioso diventare ricchi". "Quando si ha successo, si diventa interessanti. E se dai l'impressione di essere rimasto un uomo di parola, crei fiducia e allarghi la tua cerchia di amici", ha dichiarato Benko a Die Presse nel 2008.Con uffici in Austria, Germania, Italia, Lussemburgo e Svizzera, Signa ha partecipazioni per 27 miliardi di euro (29 miliardi di dollari) e progetti per 25 miliardi di euro in fase di sviluppo, secondo il suo sito web.Ma Signa sembra essere in difficoltà.Il Central Group della Thailandia ha dichiarato questo mese di aver preso il controllo dello storico grande magazzino britannico Selfridges, di cui Signa era proprietaria.Alla fine del mese scorso sono stati interrotti i lavori per la prestigiosa Elbtower nel cuore di Amburgo, che dovrebbe essere uno degli edifici più alti della Germania.
    Karen Pein, senatrice di Amburgo responsabile dello sviluppo urbano, ha minacciato di demolire la torre semicostruita se il gruppo non sarà in grado di proseguire i lavori nei tempi previsti.Anche il futuro di un altro progetto di Signa, la ristrutturazione dell'Alte Akademie di Monaco di Baviera, un ex collegio gesuita da trasformare in un complesso residenziale e di uffici, è incerto.L'agenzia di rating Fitch ha già declassato la controllata Signa Development, affermando che la società si trovava "di fronte a sfide, anche per quanto riguarda la sua posizione di liquidità".Inoltre, l'unità di e-commerce online Signa Sports United ha avviato una procedura di insolvenza per diverse sue entità e ha deciso di abbandonare la quotazione alla Borsa di New York per ridurre i costi.Signa non ha risposto alle richieste di commento dell'AFP.
    - Polemiche passate - Le imprese di Signa hanno suscitato critiche in passato. La principale catena di grandi magazzini tedeschi Galeria Karstadt Kaufhof, che Signa ha acquistato nel 2019, ha presentato istanza di fallimento nel 2020 a causa della pandemia di coronavirus e la catena ha deciso di chiudere 52 negozi all'inizio dell'anno.
    Nel 2020, Benko ha testimoniato davanti a una commissione parlamentare austriaca che sta indagando su ampie accuse di corruzione dopo che il cosiddetto scandalo Ibizagate ha scosso la politica del Paese. Gli sono stati chiesti chiarimenti sui suoi legami con diverse figure politiche conservatrici e di estrema destra di alto livello, anche se Benko non è stato accusato in relazione al caso. Lo scandalo è scoppiato nel 2019 quando un video ha mostrato l'ex leader dell'estrema destra austriaca offrire contratti pubblici a una donna che si spacciava per la nipote di un oligarca russo in cambio di aiuti per la campagna elettorale. In una questione separata, nel 2012 Benko ha ricevuto una condanna a 12 mesi di carcere con sospensione della pena per un caso fiscale italiano, dopo che un tribunale lo ha riconosciuto colpevole di aver corrotto l'ex primo ministro croato Ivo Sanader con 150.000 euro per intervenire presso le autorità fiscali italiane. (ANSA-AFP).
   

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati