/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In migliaia alla Carrese di San Pardo a Larino

In migliaia alla Carrese di San Pardo a Larino

Scampagnata alle porte del cimitero con la statua del patrono

LARINO, 27 maggio 2024, 18:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si chiudono oggi a Larino i festeggiamenti di San Pardo, il santo patrono del paese, e dei primi tre martiri larinesi (Primiano, Firmiano e Casto): i quattro giorni di ricorrenza hanno visto la partecipazione di migliaia di persone assiepate attorno ai carri in legno trainati da buoi 'vestiti' a festa.
    L'intera comunità frentana ha partecipato alla ricorrenza molto sentita. La sfilata dei calessi a forma di tabernacolo o tondi ricoperti da fiori di carta realizzati a mano ha richiamato turisti anche dalle regioni vicine.
    Oggi San Primiano è tornato nella sua dimora, il cimitero, dopo aver sfilato con i martiri Firmiano e Casto e il patrono per le vie del paese. C'è un rito antichissimo di origine pagana poi acquisito dal cristianesimo che vede una scampagnata alle porte del cimitero: il pasteggiare con i defunti. La statua di San Pardo resta sul carro durante il pranzo e, nel primo pomeriggio, rientra sempre in corteo in Cattedrale. I festeggiamenti dedicati al patrono di Larino risalgono all'anno 842.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza