Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Lombardia 12 milioni all'anno per le materne paritarie

In Lombardia 12 milioni all'anno per le materne paritarie

Non statali. Risorse in aumento del 50% su triennio precedente

MILANO, 20 febbraio 2024, 16:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Consiglio regionale della Lombarda ha approvato i nuovi criteri di assegnazione dei contributi alle scuole materne paritarie non comunali stanziando 12 milioni all'anno per il triennio 2023-2026, risorse in crescita del 50% rispetto al triennio precedente.
    Il provvedimento interessa circa 1300 realtà che ospitano circa 87.000 piccoli alunni dai 3 ai 6 anni pari al 50% di tutti i bambini che frequentano una scuola materna in Lombardia.
    Vengono inoltre snellite le procedure per ottenere il contributo che non passerà più da un bando ma verrà erogato in automatico a tutte le scuole materne censite dal sistema scolastico regionale.
    "Si tratta - commenta il provvedimento il relatore Matteo Forte (FdI) - di un'iniziativa di grande rilevanza che va nella direzione di assicurare a tutte le famiglie lombarde la possibilità di usufruire del servizio educativo della scuola materna anche in quei Comuni, un terzo di tutti i Comuni della Regione, privi di una scuola materna comunale o statale".
    "Regione Lombardia - afferma l'assessore all'Istruzione Formazione e Lavoro Simona Tironi - conferma una volta di più l'attenzione per il sistema di istruzione, partendo dalla scuola dell'infanzia. Stiamo procedendo con scelte concrete che guardano alla libertà di scelta educativa per le famiglie mettendo al centro lo studente, fin dai primi anni di presenza nella scuola. E garantiamo un trattamento di parità per tutte le istituzioni scolastiche anche per le più piccole".
    Sull'argomento è intervenuto anche il consigliere di Italia Viva Giuseppe Licata: "Finalmente Regione ha concesso un primo incremento delle risorse. Insieme al mio gruppo - conclude - lo chiedevamo con forza da mesi. La nostra proposta era stata ripetutamente bocciata dalla maggioranza ma, come già accaduto, è stata comunque recepita e realizzata dietro le quinte".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza