/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Uccise un uomo in monopattino: l'investitore al gip, 'ero drogato, in panico'

Uccise un uomo in monopattino: l'investitore al gip, 'ero drogato, in panico'

Arresto convalidato e disposta la custodia cautelare in carcere

MILANO, 13 marzo 2023, 14:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

   "lo prima dell'incidente avevo assunto sia alcool (birra) che cocaina (...) Ero ubriaco e quindi non vedevo lucidamente (...) Avevo la patente sospesa è vero. È una colpa che mi assumo". Così Giuseppe D'Amico, il 29enne in carcere con l'accusa di omicidio stradale, omissione di soccorso e guida sotto effetto di stupefacenti per aver travolto e ucciso un 30enne in monopattino il 10 marzo, ha ammesso le sue responsabilità nell'interrogatorio, assistito dall'avvocato Fabio Ambrosio, davanti al gip di Milano Tommaso Perna, che ha disposto per lui la custodia cautelare.

    "L'indagato ha ampiamente mostrato di non essere in grado di rispettare alcuna prescrizione e regola di civile convivenza, oltre che giuridica e, prima ancora, di banale umanità", ha scritto infatti il gip Tommaso Perna nell'ordinanza con cui, accogliendo la richiesta del pm Francesco De Tommasi, ha convalidato l'arresto eseguito dalla Polizia locale e disposto la custodia cautelare in carcere.

    Agli atti le dichiarazioni di un teste che hanno fornito indicazioni sul fatto che ci fosse il 29enne alla guida e non l'amica. "Il ragazzo correndo si allontanava", ha spiegato il teste. Un amico e collega della vittima, Juan Carlos Quinga Guevara, che lo precedeva sempre su un monopattino, ha raccontato che quella macchina andava "a velocità troppo elevata, mi giravo verso Juan Carlos - ha messo a verbale - e vedevo che lui veniva investito".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza