Lombardia
  1. ANSA.it
  2. Lombardia
  3. Stupro Segrate:fermato 2 giorni fa con 'alias' per 10 rapine

Stupro Segrate:fermato 2 giorni fa con 'alias' per 10 rapine

Il pm di Monza gli contesta anche sequestro di persona e lesioni

(ANSA) - MILANO, 20 GEN - Già in carcere da qualche giorno a Milano per aver violentato e rapinato il 21 dicembre una 44enne nell'ascensore di casa a Segrate, ora si scopre che è anche destinatario di un provvedimento di fermo per aver commesso, con due complici, 10 rapine tra Monza e Sesto San Giovanni, dal 29 dicembre al 10 gennaio scorso. E' la vicenda criminale di un uomo con una serie di alias, individuato dalla magistratura milanese come Hamza Sara, 31 anni e originario della Libia, e per quella monzese come Atoub Garrad, 27 anni e nato in Marocco.
    Bloccato dal pm Rosaria Stagnaro lo scorso 12 gennaio per violenza sessuale, oggi si è visto convalidare il fermo e disporre la misura cautelare del carcere dal gip Roberto Crepaldi che, nel suo provvedimento, ha sottolineato la sua '"inclinazione a fare uso della violenza per raggiungere un minimo, o comunque del tutto sproporzionato alla sua brutalità, lucro personale".
    Inclinazione per cui il pm di Monza Michela Versinni, il 17 gennaio, ha firmato un decreto di fermo nei confronti dell'uomo senza sapere, per via del nome diverso, che era già in cella. Il provvedimento, dopo una serie di verifiche, gli è stato consegnato a San Vittore il giorno dopo. Le accuse sono rapina, lesioni e sequestro di persona in concorso con altre due persone.
    Tra i vari episodi contestati c'è quello del 29 dicembre scorso, quando lui e i suoi amici hanno trascinato fuori da un'auto due ragazze e non solo le hanno rapinate delle borse e dei cellulari ma anche della stessa macchina. Il 10 gennaio poi, per rapinare un uomo e impossessarsi pure della sua autovettura, lo hanno colpito in testa con il calcio della pistola e al fianco destro con un calcio. E sempre lo stesso giorno, a un distributore di benzina, hanno preso di mira un settantenne: spogliato dei suoi averi e della sua automobile, minacciandolo con l'arma, lo hanno costretto a mettersi al volante perché nessuno dei tre era in grado di guidare la vettura per via del cambio automatico.
    Ora spetterà al gip Lidia Castellucci decidere sulla convalida del fermo e su un a nuova misura in carcere. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie