Piana, bene rapporto territorio

Presidente fa bilancio. 258 sedute, approvate 157 leggi

(ANSA) - GENOVA, 05 AGO - "Negli ultimi due anni della X Legislatura tutta la Liguria ha dovuto superare due drammatiche prove: prima il crollo del Ponte Morandi di Genova poi la violenta pandemia che ha sconvolto il mondo intero. Entrambe queste tragedie non hanno trovato il Consiglio impreparato o diviso quando queste due emergenze hanno richiesto decisioni tempestive, condivise e coesione a tutti i livelli. Il dibattito, spesso anche aspro, e il confronto democratico non sono mancati, ma sono sempre stati ricondotti a un comune sentire per il bene del nostro territorio". Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale della Liguria, Alessandro Piana, presentando il bilancio della attività dell'assemblea legislativa nel corso della X Legislatura, iniziata il 1° luglio 2015. Mercoledì scorso, 29 luglio, si è svolta l'ultima seduta, il Consiglio resterà in carica fino all'insediamento della prossima Assemblea legislativa la cui composizione sarà determinata sulla base dei risultati delle elezioni regionali del 20 e 21 settembre 2020.
    In cinque anni di attività si sono svolte 258 sedute dell'Assemblea legislativa, 732 sedute delle cinque Commissioni permanenti e 9 della Commissione speciale con funzione di inchiesta sulla gestione dell'emergenza sanitaria Covid-19. Sono state approvate 157 leggi, fra disegni di legge della Giunta e proposte di legge del Consiglio, e 973 fra ordini del giorno, mozioni e risoluzioni. Sono state presentate in aula 2167 fra interrogazioni, interpellanze (le cifre nel dettaglio nel file allegato).
    Piana sottolinea, fra l'altro, le capacità di adattamento dell'Assemblea per garantire, durante l'epidemia, lo svolgimento delle attività consiliari nel rispetto delle misure anticontagio: "Per la prima volta dalla sua nascita, avvenuta esattamente 50 anni fa, il Consiglio e le Commissioni hanno sperimentato nuove modalità di riunione attraverso il sistema in videoconferenza, in modo da garantire continuità alle funzioni legislative e amministrative della Regione e dare, così, alla comunità ligure un importante segnale di continuità".
    Al di là della fase emergenziale degli ultimi due anni, Piana sottolinea altri importanti obbiettivi raggiunti dall'Assemblea, alcuni recenti: "Abbiamo approvato, spesso con voto unanime, interventi strutturali migliorativi sull'organizzazione e sull'impianto normativo regionale e con orgoglio rivendico il merito di questo Consiglio di avere dato corpo a una riforma elettorale che, con l'introduzione della preferenza di genere e l'abolizione del listino, ha dato all'Assemblea maggiore rappresentatività garantendo anche uguali opportunità a donne e uomini. Era un passo atteso da decenni, ma il cui esito non era affatto scontato eppure è stato compiuto, con il consenso unanime dei consiglieri, in tempo utile per il prossimo appuntamento elettorale".
    Nel campo delle prerogative consiliari il presidente ricorda l'adesione della Liguria al progetto CAPIRe: "Il Consiglio ha assunto un ruolo di primo piano in Italia per rafforzare le funzioni di verifica dell'Assemblea rispetto all'efficacia e all'effettiva applicazione delle leggi regionali valorizzando anche il ruolo dell'apposita Commissione consiliare". Fra gli altri interventi normativi qualificanti il presidente ricorda la riduzione dei vitalizi degli ex consiglieri e un nuovo sistema previdenziale che ha comportato e comporterà ulteriori risparmi: "Nella crisi congiunturale che la Liguria e tutto il Paese stanno attraversando - spiega - era nostro dovere partecipare a questa situazione con atti concreti, anche attraverso una riduzione dei costi della politica".
    Al di là delle numerose proposte di legge dei Consiglieri approvate e degli interventi in aula di sindacato ispettivo e di controllo, il presidente rivendica il rafforzato ruolo sovra-regionale dell'Assemblea, ricordando che "la Liguria nel settembre scorso ha ospitato, per la prima volta dopo 17 anni, l'Assemblea plenaria della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative", e il legame sempre più stretto con il territorio: "Dal 2016 la seduta dedicata alla Liberazione viene celebrata ogni anno in una provincia diversa per dare un segnale di vicinanza a tutte le comunità della nostra regione, per rafforzare il rapporto fra cittadini e istituzioni, un rapporto coltivato anche attraverso l'approvazione di proposte di legge in difesa dei prodotti e delle eccellenze del nostro territorio e l'istituzione di due importanti organismi di garanzia". Piana tiene a precisare, in questo percorso, il ruolo svolto anche dal suo predecessore alla presidenza, Francesco Bruzzone, rimasto in carica dal 1 luglio 2015 al 30 marzo 2018: "Abbiamo cercato, con la collaborazione di tutti i colleghi consiglieri, di qualificare ulteriormente il ruolo dell'Assemblea, di accrescerne la funzionalità, di rafforzarne i poteri e il rapporto con la comunità. E' stata questa - conclude Piana - la scommessa più importante che, tutti insieme, abbiamo cercato di vincere". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie