Ponte Genova: Cdm proroga per 12 mesi stato emergenza

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha deliberato la proroga, per ulteriori dodici mesi, dello stato di emergenza già deliberato in conseguenza degli eventi che si sono verificati nella mattinata del 14 agosto 2018 nel territorio del comune di Genova a causa del crollo di un tratto del viadotto Polcevera, noto come ponte Morandi, sulla A10. Lo si legge nella nota conclusiva della riunione di Governo.
   La proroga dello stato di emergenza per il crollo di ponte Morandi permetterà alla Struttura Commissariale di concludere il lavoro svolto in due anni di attività, rispondendo alle esigenze del territorio, degli operatori economici e della popolazione colpita. Ad avanzare la richiesta di proroga fino al 15 agosto del 2021 era stato il presidente della Regione Liguria e commissario delegato per l'emergenza, Giovanni Toti. "Si potranno concludere così degli iter già avviati, come gli ultimi risarcimenti per l'autotrasporto che per l'anno in corso partiranno nel 2021 - spiega Toti - Inoltre siamo in attesa di capire se le richieste avanzate da Regione Liguria per impiegare i fondi residui delle cosiddette "una tantum" saranno accettate dal Governo, così da poter rimodulare alcuni dei criteri per l'accesso al risarcimento delle attività produttive tagliate fuori dalla Legge Genova, come per esempio le Srl. Potranno essere rinnovati anche i contratti del personale assunto per far fronte allo stato di emergenza".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie