Unicredit: Start Lab per pmi "tech" italiane

Ottava edizione da febbraio con webinar e call per imprese

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 20 GEN - UniCredit Start Lab, la piattaforma di business e innovazione di UniCredit che sostiene le startup e pmi italiane "Tech" ad alto potenziale, riparte nella sua ottava edizione. La novità è StartUp Plus, un nuovo format esclusivamente digitale aperto ai protagonisti dell'ecosistema dell'innovazione italiano, in particolare alle startup che vogliono consolidare il proprio percorso d'impresa. Il programma partirà a febbraio con un primo ciclo di due webinar gratuiti e accessibili in video streaming, il 16 e il 17, dalle 9.30 alle 12. Parallelamente prende il via la call dell'edizione 2021 di UniCredit StartLab, che ha portato, nelle precedenti 7 edizioni, all'analisi di 5.300 progetti imprenditoriali di nuova generazione e all'accompagnamento di 350 start up verso percorsi di crescita aumentandone le opportunità di business, lo sviluppo dal punto di vista manageriale e la visibilità sul mercato. Le aziende selezionate a far parte di Start Lab, in particolare, potranno accedere a specifici servizi fra cui la possibilità di partecipare ad attività strutturate di business e investment matching con controparti industriali e finanziarie del network di UniCredit; training manageriale avanzato, tramite la Startup Academy e workshop tematici; un programma di mentorship personalizzata con professionisti ed esperti dell'ecosistema dell'innovazione; infine, l'assegnazione di un gestore UniCredit dedicato al supporto alla crescita. Previsto anche un riconoscimento in denaro da 10.000 euro per il migliore progetto presentato per ognuno dei settori chiave. Anche per il 2021 i settori di riferimento saranno Innovative Made in Italy (agrifood, moda, design, turismo, meccanica, robotica, nanotecnologie e Industry 4.0), Digital (mobile apps, internet of things, servizi e piattaforme B2B, sistemi cloud, hardware e intelligenza artificiale), Life Science (biotecnologie, farmaceutica, dispositivi medici, digital health care e tecnologie assistive) e Clean Tech (efficienza energetica, energie rinnovabili, trattamento dei rifiuti e mobilità sostenibile). (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: