/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Maxifrode ai danni dell'Ue sul Pnrr, 24 misure cautelari

Maxifrode ai danni dell'Ue sul Pnrr, 24 misure cautelari

Scoperta da Gdf, sequestri per 600 milioni. Coinvolto anche Fvg

ROMA, 04 aprile 2024, 14:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una maxi frode ai danni della UE su fondi Pnrr è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Venezia, che ha eseguito misure cautelari nei confronti di 24 persone su richiesta di Eppo, la procura europea, e sequestri preventivi per oltre 600 milioni di euro. Interessati anche diversi Paesi europei ove stanno operando forze di polizia slovacche, rumene e austriache.  Del totale delle ordinanze, hanno spiegato i vertici della Gdf in conferenza stampa, 8 sono in carcere, 14 agli arresti domiciliari e due sono interdittive a svolgere attività professionale e commerciale. Sul territorio nazionale oltre 150 finanzieri stanno eseguendo perquisizioni in Veneto, Lombardia, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Lazio, Campania e Puglia, anche con l'ausilio di unità cinofile "cash dog".

  Le 24 misure cautelari sono state disposte dal procuratore europeo delegato, Donata Patricia Costa. L'attività di frode è attribuita a un sodalizio criminale, con il coinvolgimento di vari prestanome e l'ausilio di 4 professionisti. In una prima fase l'attività fraudolenta ha riguardato progetti per decine di milioni di euro, finanziati con fondi del Pnrr, erogati da Simest, società partecipata di Cassa depositi e prestiti, con l'obiettivo di sostenere le imprese italiane nel percorso di internazionalizzazione. Gli indagati in questo modo incassavano subito il 50% dei finanziamenti, per progetti che poi non avrebbero mai portato a termine.
Dalle indagini è emerso che l'organizzazione era dedita alla creazione di crediti inesistenti nel settore edilizio e per il sostegno alla capitalizzazione delle imprese, per circa 600 milioni di euro. Le successive attività hanno consentito di portare alla luce, con la tecnica del 'follow the money', condotte di riciclaggio e autoriciclaggio dei profitti illeciti attraverso un reticolato di società fittizie costituite anche all'estero, in particolare in Austria, Slovacchia e Romania. La ricostruzione dei flussi finanziari illeciti è stata possibile grazie agli approfondimenti svolti dai militari delle fiamme gialle su oltre 100 segnalazioni di operazioni sospette, che hanno permesso di individuare i promotori e agevolatori del sodalizio criminale. Parallelamente, i criminali avevano affinato un apparato di riciclaggio, protetto da tecnologie di ultima generazione, e di società di cartolarizzazione dei crediti per occultare il business illegale e trovare nuove modalità di monetizzazione di crediti inesistenti. Tra i beni sottoposti a sequestro dai militari ci sono appartamenti e ville signorili, criptovalute, orologi di pregio, oro e auto di lusso. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza