Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Crollo Firenze: 'Mai per caso' la protesta a Trieste

Crollo Firenze: 'Mai per caso' la protesta a Trieste

Iniziativa Cgil e Uil, caschi colorati davanti alla Prefettura

TRIESTE, 21 febbraio 2024, 17:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una cinquantina di persone hanno protestato davanti alla Prefettura contro gli infortuni e i morti sul lavoro nell'ambito di una manifestazione organizzata da Cgil e Uil.
    I manifestanti hanno esposto, a terra, un grande striscione con la scritta "Le morti sul lavoro non sono mai per caso" e sistemato una serie di caschi colorati. Molte sono anche le bandiere delle sigle sindacali, nutrita in particolare la delegazione dei sindacalisti del settore Edilizia e Metalmeccanica (Fillea-Cgil, Feneal-Uil, Fiom e Uilm).
    Una delegazione dei sindacati dovrebbe essere ricevuta dal prefetto, Pietro Signoriello.
    Per il segretario di Fiom-Cgil Trieste, Marco Relli, "non può più continuare la tragica conta quotidiana di infortuni e morti". Una parte della responsabilità dei tanti incidenti, secondo Massimo Minen, segretario Fvg della Feneal Uil, è data dalle "varie forme di contratti applicati nei cantieri, la catena di appalti che rendono difficili i controlli peraltro troppo scarsi, e l'insufficienza della formazione sulla sicurezza". Massimo Marega, segretario generale Fillea-Cgil del Fvg, ha sottolineato un altro aspetto: "Spesso anche se la formazione avviene secondo le norme di legge, viene somministrata a lavoratori stranieri con scarsa comprensione della lingua italiana e dunque non è efficace".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza