Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Prima intesa contro il lavoro forzato, la moderna schiavitù

Prima intesa contro il lavoro forzato, la moderna schiavitù

Coinvolte oltre 26 milioni di persone

05 marzo 2024, 10:13

Redazione ANSA

ANSACheck

Prima intesa contro il lavoro forzato, la moderna schiavitù - RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES, 05 MAR - Parlamento e Consiglio Ue hanno raggiunto un primo accordo per mettere al bando i prodotti realizzati attraverso il lavoro forzato, la moderna forma di schiavitù che riguarda oltre 26 milioni di persone in tutto il mondo, tra cui minorenni. Lo hanno reso noto le due istituzioni europee. 

Il regolamento prevede che venga vietata l'immissione e la messa a disposizione sul mercato dell'Ue, o l'esportazione, di qualsiasi prodotto realizzato utilizzando il lavoro forzato. Sono state introdotte modifiche significative alla proposta originaria, chiarendo le responsabilità della Commissione e delle autorità nazionali competenti nel processo investigativo e decisionale.

L'esecutivo comunitario istituirà una banca dati contenente informazioni verificabili e regolarmente aggiornate sui rischi del lavoro forzato, comprese le relazioni delle organizzazioni internazionali (come l'Organizzazione internazionale del lavoro). La banca dati dovrebbe supportare il lavoro della Commissione e delle autorità nazionali competenti nel valutare possibili violazioni di questo regolamento.

Per valutare la probabilità che avvengano violazioni del regolamento sono previsti dei criteri come: la portata e la gravità del presunto lavoro forzato, compreso se quello imposto dallo Stato possa costituire motivo di preoccupazione; la quantità o il volume dei prodotti immessi o resi disponibili sul mercato dell'Unione; la quota delle parti del prodotto che potrebbero essere realizzate con il lavoro forzato nel prodotto finale; la vicinanza degli operatori economici ai sospetti rischi del lavoro forzato nella loro catena di approvvigionamento e la loro influenza per affrontarli.

Verranno pubblicate delle linee guida della Commissione per operatori economici e le autorità competenti per aiutarli a conformarsi ai requisiti del regolamento.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

In collaborazione con

O utilizza

Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto.

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.