Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'I fondi europei all'Ucraina non sono adeguatamente monitorati'

Commissione contabile del Parlamento europeo, 'nepotismo nell'acquisizione di risorse'

Redazione ANSA

BRUXELLES - I fondi Ue all'Ucraina "non sono adeguatamente monitorati e controllati", in particolare gli eurodeputati sono preoccupati per "il picco di irregolarità che riguardano lo strumento di assistenza pre-adesione". Questo è quanto emerge dalla relazione annuale antifrode approvata dalla commissione per il controllo dei bilanci dell'Eurocamera. Nel testo, passato lunedì con 17 voti a favore, nessuno contrario e 2 astensioni, la commissione dell'Eurocamera sottolinea che uno dei grandi rischi per gli interessi finanziari dell'Ue è rappresentato dal "nepotismo nell'acquisizione dei fondi comunitari".

Nel testo gli eurodeputati lanciano inoltre un allarme sulle intenzioni di Bruxelles di erogare i 6,3 miliardi di euro sospesi dalla Recovery and Resilience Facility (Rff) all'Ungheria in cambio dell'approvazione degli aiuti all'Ucraina. "I fondi sospesi dovranno essere rilasciati all'Ungheria solo se le misure correttive adottate dal governo ungherese si saranno dimostrate efficaci nella pratica", afferma il testo licenziato dalla commissione Contabilità. Per quel che riguarda la Polonia, infine, gli eurodeputati ribadiscono le preoccupazioni per le constatazioni sulle gravi carenze nel settore giudiziario e dei media e chiedono alla Commissione Ue di sbloccare i fondi dal Recovery a Varsavia solo una volta che tutte le richieste relative al rispetto dello stato di diritto saranno state soddisfatte.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie