Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fine vita, l'Emilia-Romagna va avanti e rafforza delibera

Fine vita, l'Emilia-Romagna va avanti e rafforza delibera

'I Cet non sono scelta dovuta per esprimersi sulle richieste'

BOLOGNA, 29 febbraio 2024, 17:07

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Emilia-Romagna va avanti sul fine vita e rafforza la delibera con cui stabilisce che è il Comitato regionale per l'etica nella clinica (Corec) a dare parere per le richieste di suicidio medicalmente assistito da parte di chi si trova nelle condizioni previste dalla Corte costituzionale. I Comitati etici territoriali (Cet) richiamati dal Comitato nazionale di bioetica come possibile organismo chiamato a esprimersi, spiega la Regione, non sono una scelta dovuta "lì dove esistano specifici organismi per l'etica nella clinica, come avviene in Emilia-Romagna". La Giunta ha approvato un atto integrativo ad hoc che lo esplicita.

 

"In attesa di una legge nazionale per un tema di così grande importanza e delicatezza confermiamo il nostro impegno per dare attuazione a quanto richiesto dall'Alta Corte". Così Raffaele Donini, assessore regionale alla Salute in Emilia-Romagna, a proposito del nuovo atto integrativo della Giunta sulla delibera sul fine vita. "Abbiamo rafforzato le motivazioni, soffermandoci su tutti i passaggi giuridici a supporto di questa posizione - spiega - Ricordiamo che le Regioni sono chiamate ad applicare quanto previsto dalla Corte. Era doveroso mettere il sistema sanitario nelle condizioni di adempiere a questo obbligo nel miglior modo possibile, come richiesto anche dal Ministero della Salute". La sentenza a cui fa riferimento è la numero 242 del 2019 della Corte costituzionale sul fine vita.

La Regione Emilia-Romagna indica che il Comitato regionale per l'etica nella clinica (Corec) nasce dall'esperienza del Comitato per l'etica nella clinica dell'Ausl-Irccs di Reggio Emilia (avviato nel 2020). Il Corec ha quindi una valenza regionale per garantire omogeneità territoriale: è l'organismo che - secondo la delibera regionale sul fine vita - deve esprimere un parere (non vincolante) sulle richieste di suicidio medicalmente assistito che arriveranno alle Ausl. L'atto integrativo approvato dalla Giunta guidata da Stefano Bonaccini ribadisce la legittimità del ruolo del Corec nel procedimento di valutazione delle domande.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza